Sarebbe una donna di Sant'Andrea del Garigliano la persona che ha abbandonato dei rifiuti nel comune di Sant'A mbrogio sul Garigliano. È stata immediata la risposta dell'amministrazione guidata dal sindaco Sergio Messore, che, grazie all'impegno fattivo degli operatori ecologici in servizio nel paese, ha individuato l'autrice del gesto di inciviltà che si è verificato in via Lago. È bastato infatti "mettere le mani" tra i rifiuti per rintracciare delle tracce e degli indizi chiari che hanno condotto dritto all'identità della signora del paese limitrofo.

Nei confronti della donna l'amministrazione comunale di Sant'Ambrogio ha già annunciato che adotterà tutte le sanzioni previste dalla legge. Nessuna tolleranza dunque nel comune in cui vige da anni la raccolta differenziata dell'immondizia e che più volte si è aggiudicato il titolo di "Comune Riciclone" da parte di Legambiente.

Parla il sindaco
«Continueremo sempre con maggiore impegno e facendo ricorso a nuova strumentazione a combattere l'inciviltà che deriva dall'abbandono dei rifiuti, che danneggia la salute umana e l'ambiente e che è incomprensibile, in quanto in tutti i comuni vige la raccolta differenziata porta a porta», le dure parole del primo cittadino. Un fenomeno purtroppo ricorrente.
Presenti in tanti centri del circondario. Spesso le buste di immondizia vengono addirittura lanciate dal finestrino, senza alcuno scrupolo, finendo per strada oppure andando a deturpare aree verdi che meriterebbero ben altro rispetto e senso civico.