Ancora una giornata da frazione statistica per i numeri di nuovi contagiati da Covid-19 in provincia di Frosinone. Il bollettino della Asl di ieri, infatti parlava, su 711 tamponi effettuati, di appena due nuove positività (una a Frosinone e una a Cassino), di ben trenta negativizzati e di nessun decesso. Un quadro generale molto confortante che ha portato il direttore generale dell'Asl di Frosinone, Pierpaola D'Alessandro, a dire che «in un giorno sono stati effettuati oltre 4.700 vaccini ad assistiti dell'Asl di Frosinone. Su ben 711 tamponi, che continuiamo a fare, solo due positivi.

La comunità di Frosinone sembra essere ora ben protetta. Attenzione, però, che in estate tutti si spostano e potremmo importarne ancora. Da altre zone e anche dall'estero o varianti. Sempre vigili e protetti ma tanto felici di questo risultato che ci rende più liberi».
È fuori di dubbio che sui numeri in netto regresso dei nuovi contagiati stia incidendo una campagna vaccinale sempre più a tappeto. Commentando i numeri di ieri registrati dal Lazio, l'assessore regionale alla sanità, Alessio D'Amato, ha detto che «nella giornata di sabato 5 giugno, sono state somministrate 64.767 dosi in tutto il Lazio.

È il dato più alto di somministrazioni quotidiane registrato dall'inizio della campagna vaccinale. Il "Primo Junior Open Day" a Rieti ha avuto grande successo con circa 200 dosi somministrate a utenti della fascia di età 12/16 anni. Saranno previsti altri junior open day in tutto il Lazio. Infine, l'Open Week over 18 Astrazeneca Festa della Repubblica si conclude oggi (ieri, ndr). Grande adesione in tutti gli hub del Lazio che hanno aderito all'iniziativa. Sold out anche gli slot last minute aggiuntivi messi a disposizione per le giornate di ieri e oggi (sabato e ieri, ndr)».

Le prossime date di apertura delle prenotazioni dopo open week sono: domani fascia d'età 34-30 (nati 1987-1991); giovedì 10 giugno fascia d'età 29-25 (nati 1992-1996); domenica 13 giugno fascia d'età 24-17 (nati 1997-2004). Da venerdì 11 giugno sul portale salutelazio.it saranno disponibili le prenotazioni anche presso i medici di medicina generale. Da domani la fascia d'età 12-16 anni (nati 2009-2005) dovrà rivolgersi per la prenotazione al pediatra di libera scelta/medico di medicina generale da cui è assistita.

Per quanto riguarda il bollettino regionale dei contagiati, su oltre 7.000 tamponi (-3.946) e oltre 11.000 antigenici per un totale di oltre 18.000 test, si sono registrati 233 nuovi casi positivi (+36), i decessi sono stati 5 (-4), i ricoverati 690 (-60). I guariti sono stati 1.125, le terapie intensive 125 (-1). Il rapporto tra positivi e tamponi è al 3,2%, ma se si considerano anche gli antigenici la percentuale scende allo 1,2%. Incidenza e rt sono da zona bianca.

È evidente che, in un quadro di progressivo miglioramento della situazione epidemiologica, l'Azienda sanitaria stia pensando a come riorganizzare i propri servizi e la propria rete ospedaliera e di strutture. Intanto, come ha annunciato il direttore generale Pierpaola D'Alessandro, ci sarà una filosofia di fondo nuova: «Come immagina la sanità post Covid?
È la domanda più frequente che ricevo. Di sicuro diversa da ciò che conoscevamo. Noi abbiamo già cominciato a ripensarla se pur partendo da infinite problematiche storiche. Siamo partiti col potenziamento delle cure territoriali, con i percorsi diagnostici e terapeutici che partono nelle Case della Salute e si integrano con l'ospedale.

Da giugno alleggeriamo i carichi ospedalieri e i ricoveri e creiamo reparti flessibili anche per il "No Covid", aree assistenziali a prevalenza infermieristica e aree mediche e chirurgiche plurispecialistiche a bassa intensità di cura che il Covid,ci ha fatto capire essere necessarie e indispensabili. Dal 21 giugno parte un tour nei Distretti per inziare con una nuova sanità di prossimità del paziente, ma soprattutto con integrazione fra i professionisti territoriali e quelli ospedalieri. Il tutto con un ponte solido: la telemedicina e la digitalizzazione dei servizi. Col Por (Programma operativo regionale, ndr) ci sono arrivate tecnologie diagnostiche che faremo adoperare al massimo in tutto il territorio. Fase post Covid? Ricca di innovazione».