Una lettera aperta che è soprattutto un forte appello rivolto ai ministri della Transizione ecologica Roberto Cingolani e della Salute, Roberto Speranza per denunciare la grave situazione ambientale della Valle del Sacco. È stata scritta dall'associazione Medici di famiglia per l'Ambiente di Frosinone e provincia, a firma della presidente, la dottoressa Marzia Armida e del coordinatore, il dottor Giovambattista Martino. La missiva parte da un presupposto: quello di una Europa che propone nuove misure anti-inquinamento atmosferico, puntando molto sugli obiettivi del pacchetto "Aria Pulita", che per il 2030 prevede 58.000 morti premature in meno; 123.000 km quadrati di ecosistemi salvati dalle conseguenze dell'azoto; altri 56.000 km quadrati di "Spazi protetti Natura 2000" recuperati e infine 19.000 km quadrati di ecosistemi forestali sottratti alle piogge acide.

L'analisi dell'associazione
«L'Arpa Lazio scrivono i medici di famiglia ha reso noto che nel quinquennio 2015-2019 nella nostra regione è migliorata la qualità dell'aria, ma non nella Valle del Sacco, dove i valori persistono critici. Sono decenni che questo territorio è attanagliato dagli inquinanti atmosferici, con concentrazioni di polveri sottili nell'aria ai livelli massimi, sia rispetto ai parametri nazionali, sia europei.

DA NON PERDERE!

Tutti gli approfondimenti su questo argomento sono disponibili nell'edizione odierna, in edicola o nella versione digitale di Ciociaria Oggi.

EDICOLA DIGITALE: Approfitta dell'offerta, un mese a soli € 0.99