Nel corso dei servizi di controllo del territorio, volti alla prevenzione e repressione dei reati, gli operatori delle Volanti della Questura hanno denunciato un 47enne ed una 43enne per il reato di trasporto e detenzione di materiale esplodente.

Gli agenti hanno fermato, nelle vicinanze della casa circondariale, un'auto con a bordo quattro persone, di cui due minorenni e un uomo e una donna di origine campana che risultavano annoverare diversi precedenti.

L'atteggiamento nervoso e sospetto dei due maggiorenni ha indotto gli operatori ad effettuare un controllo più accurato, rinvenendo nel bagagliaio dell'auto una scatola di cartone contenente 25 kg di artifizi pirotecnici esplodenti e tre batterie di tubi, tutti collegati illecitamente ed in modo pericoloso ad un'unica miccia di innesco, amplificando così la potenza esplosiva e mettendo a repentaglio l'incolumità pubblica.

I due soggetti riferivano ai poliziotti di trasportare il materiale esplodente e di essere arrivati nelle vicinanze della casa circondariale per manifestare la loro presenza in occasione del compleanno di un detenuto, padre dei due minori. Condotti presso la Questura, i due sono stati denunciati e i minori sono stati riaffidati alla madre.