Se ne è fatto tanto parlare, molti hanno alzato i toni, ma di fatto nessuno ha fatto niente. Un lavoro di pulizia che sarebbe dovuto essere eseguito dagli operai comunali ma che tardava ad arrivare. Così le associazioni Eqo e Quis Contra Nos si sono rimboccate le maniche.

Non è la prima volta che le pettorine blu si danno da fare per ripulire aree della città prese di mira da trasgressori e da incivili che le utilizzano a mo' di discarica a cielo aperto, sia incentro che nelle periferie.
Il parco del Gari e i viali che costeggiano il fiume sono uno dei luoghi più magici della città e da tempo erano diventati quasi inaccessibili a causa della vegetazione cresciuta oltre misura, che aveva reso difficile il passaggio.

Le parole di Mattia Spigola lasciano trasparire tutta la soddisfazione e il vero motivo che ha spinto i membri delle due associazioni a ripulire l'area, per la comunità, per le persone, per restituire a tutti un bene comune: «Oggi i ragazzi di Quis Contra Nos mi hanno riempito di orgoglio. Dopo anni che lo desiderava il mio amico e fratello Andrea Gradini finalmente è riuscito a percorrere la prima parte della ciclabile del parco Del Gari. Attendo con ansia il sapientino di turno che straparla contro le associazioni. Insieme possiamo abbattere qualsiasi barriera». Un risultato per la comunità.