Maggio si chiude con 11 positivi. Ed è il nuovo minimo dopo i 10 casi di lunedì 17 maggio. Prosegue la discesa dei numeri del contagio in un mese che si chiude a 34 al giorno, meno della metà rispetto agli 87 di aprile.
Nel bollettino di ieri ci sono 22 negativizzati e lo zero alla voce decessi. Dopo aver terminato la passata settimana a una media di 17, dunque la nuova si apre sugli stessi livelli. Quelli di fine settembre-inizio ottobre. Infatti, 14 erano stati i casi dal 21 al 27 settembre, 15 quelli tra il 28 settembre e il 4 ottobre, poi 29 dal 5 ottobre all'11 fino poi ai 102 del periodo 12-18 ottobre, l'inizio della seconda ondata.

I numeri
Sono nove i comuni della provincia di Frosinone che ieri contavano da uno a due contagi. Nessuno ne ha fatti registrare di più. Si tratta di Anagni e Pofi con 2, quindi di Cassino, Collepardo, Ferentino, Frosinone, Patrica, San Giovanni Incarico e Sora. Il record di maggio spetta a Froisinone con 132, poi Alatri 109, Cassino, 105, Ceccano 71 e Ferentino 50. Ad aprile era andata peggio: a Cassino con 300, poi Frosinone 268, Alatri 151, Veroli 144, Sora 112, Anagni 102, Ceccano 99, Ferentino 90.

I decessi
Anche questa settimana si apre con zero vittime. Tre quelle accertate nella precedente, il minimo dallo scorso novembre. L'inversione di tendenza si era vista, però, quando i decessi sono passati dai 23 del periodo 26 aprile-2 maggio ai 12 della settimana successiva ai 6, ripetuti due volte nelle settimane 10-23 maggio.

I guariti
Sono altre 22 le persone che sono guarite dal Covid. È il dato minimo del 2021 dopo i 7 del 2 gennaio. La scorsa settimana si sono contati 383 negativizzati, in calo dai 478 della precedente settimana e dai 484 di quella tra il 10 e il 16 maggio. Prima ancora erano stati 693 (3-9 maggio), ma anche 939 (19-25 aprile), per poi salire ancora a 1.137 (5-11 aprile) e 1.598 (29 marzo-4 aprile), il massimo finora registrato in sette giorni. A inizio anno erano 803. Ovviamente con il drastico calo dei positivi, anche i guariti tendono progressivamente a scemare.

I tamponi
Discorso simile vale anche per i test eseguiti. La settimana si è aperta con 417, quella precedente si è chiusa con 510. Dal 24 al 30 maggio sono stati 6.465 contro gli 8.236 delle precedente settimana e i 9.597 di quella archiviata il 16 maggio. Prima ancora il dato oscillava tra gli 11.000 e i 12.000 (dal 5 aprile al 9 maggio) quindi erano stati 13.551 (29 marzo-4 aprile), ma anche più di 16.000 con 16.043 tra il 15 e il 21 marzo e 16.827, il record, tra l'8 e il 14 marzo.

Gli indicatori
Ai minimi termini pure l'incidenza settimanale ogni 100.000 abitanti: a ieri era calata a 24,32 contro i 24,95 di domenica e i 24,74 di venerdì, il girono preso a riferimento per tale indicatore. Il risultato migliore, per ora, è rappresentato dai 22,85 di sabato, mentre il peggiore restano i 366,03 dell'8-14 marzo. Il tasso di positività, invece, è al 2,64% contro il 2,08% della passata settimana in discesa dal 2,19 di quella prima.

La mortalità
Nuovo aggiornamento die dati sulla mortalità nei capoluoghi italiani del Sissmg. A Frosinone dal 31 marzo al 18 maggio sono morte 51 persone contro le 43 attese (più 18,6%). Le settimane peggiori sono state quella dal 7 al 13 aprile con 13 decessi rispetto ai 6 attesi e quella tra il 12 e il 18 maggio con 11 rispetto a una media storica (degli ultimi cinque anni) di 6. È andata senz'altro meglio dal 28 aprile al 4 maggio con 2 decessi rispetto ai 7 attesi e tra il 5 e l'11 maggio sempre con 2 rispetto ai 4 attesi. Nelle altre settimane 8 morti contro le 10 attese tra il 31 marzo e il 6 aprile, 6 e 6 tra il 14 e il 20 aprile, 9 e 5 tra il 20 e il 27 aprile. La fascia più colpita con 17 vittime resta quella degli over 85 con due settimane da 5 decessi ciascuna (20-27 aprile e 12-18 maggio). A seguire 15 decessi tra i 75 e gli 84 anni di cui 6 soli tra il 7 e 13 aprile, quindi 13 vittime nella fascia compresa tra i 65 e i 74 anni di cui 5 tra il 12 e il 18 maggio. Infine, 6 i morti nell'ultima fascia, quella che arriva fino ai 64 anni con 3 casi tra il 7 e il 13 aprile. Negli ultimi mesi -15% di morti a febbraio, +81% a marzo, +25% ad aprile e -9% tra il 1° e il 15 maggio.