Una mozione per l'installazione di giochi inclusivi per bambini con disabilità. È questa la proposta presentata dal consigliere comunale di opposizione Angela Tribini e supportata da tutti i consiglieri di minoranza.
La proposta
La mozione presentata dall'esponente dell'opposizione prevede quattro linee d'azione. L'installazione di giochi inclusivi per bambini disabili, a seguito di una ricognizione dei giochi esistenti per le aree gioco attrezzate nel Comune di Pontecorvo; verificare lo stato attuale delle attrezzature ludiche per controllare che le stesse siano accessibili anche ai bambini disabili, coinvolgendo anche le associazioni che lavorano nel campo della disabilità presenti sul territorio comunale; riqualificare, compatibilmente con le risorse finanziarie disponibili, tutti i parchi gioco, mediante l'installazione di giochi idonei alla fascia d'età degli utilizzatori tra i quali devono necessariamente essere installati quelli per bambini disabili; a sostituire con gradualità le attrezzature esistenti in tutte le aree gioco della città, assicurandosi che i nuovi articoli siano compatibili con l'utilizzo degli stessi da parte dei bambini disabili.

«È dovere delle amministrazioni pubbliche colmare le distanze che all'interno della società civile, in special modo se i soggetti da tutelare sono i bambini con disabilità - hanno affermato nella mozione - Allo stato attuale le aree presentano giochi per bambini inadeguati, usurati, privi dei requisiti di sicurezza e quindi non a norma.
È fondamentale, nella convivenza in una società civile, contrastare quelle barriere che ostacolano la piena ed effettiva partecipazione alla vita sociale alla pari degli altri individui. Mettiamo al centro chi abiterà il futuro della città di Pontecorvo, ciò sarà possibile con l'approvazione da parte dei colleghi di maggioranza con un voto unanime alla nostra mozione».

Tribini soddisfatta
«Il gioco è molto più che un piacere momentaneo è uno strumento educativo e di confronto, che trasmette al bambino conoscenze ed emozioni - ha affermato il consigliere di minoranza Angela Tribini - Basta fare una passeggiata ai nostri parchi giochi per accorgerci di come le attrezzature presenti non siano accessibili ai bambini disabili, eccetto il parco giochi Giovanni Paolo II quando fu inaugurato, visto che ad oggi non ha più i requisiti di sicurezza, erano presenti giochi per bambini disabili.

C'è un dovere morale di fare in modo che bambini con disabilità fisiche e sensoriali possano liberamente giocare e divertirsi tutti assieme con aree attrezzate in sicurezza capaci appunto di favorire le relazioni sociali.
Motivo per cui ho voluto fortemente questa mozione e ringrazio i colleghi di minoranza Roscia, Di Prete, Pretola e Paliotta per aver subito condiviso tale mozione in quanto vogliamo essere sempre vicini al mondo della disabilità al fine di aiutare anche le famiglie a gestire le varie difficoltà che quotidianamente si incontrano, favorendo sempre di più la loro integrazione nella società».