Fieno raccolto di notte a Nocione, sequestrate le balle di fieno dai carabinieri forestali. La segnalazione era stata inoltrata dall'Ansmi che aveva notato la presenza di movimenti sospetti nell'area interdetta. Movimenti sospetti nella notte tra martedì e mercoledì, poi la mattina il fieno che si trova nell'area del Nocione è stato trovato tagliato. A notarlo residenti e cittadini di passaggio che hanno immediatamente segnalato l'accaduto agli ambientalisti.

Immediato l'intervento di Edoardo Grossi dell'Ansmi sezione di Frosinone, da anni in prima fila per la battaglia dell'area del Nocione.
Nella notte tra martedì e mercoledì si era provveduto a tagliare l'erba e «non solo per fare pulizia, altrimenti avrebbero usato la trincia» aveva spiegato Grossi. Sull'area, come ricordato dal presidente della sezione Ansmi provinciale, vige un'ordinanza del Comune di Cassino (la numero 233 del 27 luglio 2018) di divieto di coltivazione, pascolo e movimento terra. «Negli anni scorsi i carabinieri forestali di Cassino e Pontecorvo sono intervenuti a più riprese e sequestrato balle di fieno e mezzi - aveva aggiunto l'ambientalista - A quanto pare non è servito a far desistere dalla raccolta del fieno». A poche ore dalla segnalazione è scattato il sequestro.

La novità e i ringraziamenti
I carabinieri del comando forestale di Cassino hanno sequestrato le balle di fieno a Nocione. Una celerità che ha dimostrato grande attenzione per i cittadini. «Due notti fa era stata tagliata l'erba. Poche ore sono bastate per bloccare quello che poteva essere un pericolo sanitario. Ai carabinieri forestali di Cassino va tutta la nostra gratitudine e di tutta l'Associazione nazionale della sanità militare italiana (Asmi) stanno facendo un lavoro immane, notte e giorno, seppur con scarse risorse, a tutela della sanità pubblica e dell'ambiente. Si ringraziano i cittadini che sono parte attiva in questa battaglia per la legalità» ha inteso sottolineare il presidente Edoardo Grossi.