Tanta gente domenica al Winner Bar dei giardinetti di via Po per discutere delle maxi bollette del consorzio di bonifica Conca di Sora. Comitati, associazioni e amministratori locali: un fronte comune contro la stangata.

Nella riunione di domenica c'erano anche Elio Corsetti, Lucio Bove, Franco Greco, i rappresentanti del comitato "Aboliamo la Conca di Sora", il consigliere comunale di Isola del Liri Mauro Tomaselli, il presidente del consiglio comunale di Atina Paolo Fallena, il consigliere di Pescosolido De Gasperis di "Terra nostra", Giannicchidi "Italia mia", tanti cittadini e imprenditori della zona, tutti decisi a reagire alla stangata.

«Questa situazione è dovuta alla complicità politica dei rappresentanti regionali eletti in Ciociaria ha tuonato il consigliere Tomaselli Il partito che gestisce il poterealla Regione è il Pd, oggi sostenuto dal M5s. I nostri sindaci, pur rendendosi conto del disastro accettano passivamente le decisioni imposte dai politici romani solo per salvaguardare la poltrona. I ricorsi alla magistratura sono un modo per dissuadere qualsiasi forma di protesta e per indurre i poveri cittadini a pagare, infatti sonostati tuttibocciatie nonsono consentiti "ricorsi collettivi".

L'unico modo per risolvere il problema è quello di un intervento politico rivolto alla Regione Lazio da parte delle amministrazioni comunali con cui si chieda: sospensione o l'annullamento immediata delle bollette 2021; ripristino della situazione antecedente al 2019 con applicazione delle tariffe 2018; convocazione immediata dei consigli comunali per deliberare l'uscita dal perimetro di contribuenza e il no all'ingresso nel costituendo consorzio unico Lazio Sud-Est».

DA NON PERDERE!

Tutti gli approfondimenti su questo argomento sono disponibili nell'edizione odierna, in edicola o nella versione digitale di Ciociaria Oggi.
EDICOLA DIGITALE: Approfitta dell'offerta, un mese a soli € 0.99