Era scattata da poco l'ora del coprifuoco nel primo week-end in cui è stata prolungata fino alle 23. Pochi minuti dopo la tragedia in via Armando Fabi. Uno scontro frontale tra una Hyundai i20 e un'Audi Q2 che non ha lasciato scampo a Ernesto Caperna, 53 anni, di Frosinone. È morto sul colpo.

In auto con lui viaggiava il figlio di venti anni e un bambino di sette anni.  Per entrambi è stato necessario il ricovero in strutture della capitale. Il giovane è stato trasportato prima allo "Spaziani" e poi è stato trasferito all'ospedale "San Giovanni" mentre il piccolo al "Bambino Gesù". Per quest'ultimo la prognosi è riservata.

Il conducente dell'altro veicolo, un sessantenne di Frosinone, è stato trasportato al nosocomio di Alatri in stato di shock. L'uomo, come da prassi in simile circostanze, è stato indagato per omicidio stradale e verrà ascoltato nei prossimi giorni. È difeso dall'avvocato Giampiero Vellucci, mentre gli eredi di Caperna si sono affidati agli avvocati Alessandro Petricca e Luigi Tozzi. Sul posto, oltre al personale medico, sono intervenuti i carabinieri per i rilievi di rito e per stabilire la dinamica dell'incidente. Necessario anche l'intervento dei vigili del fuoco. Dolore e sconcerto per quanto accaduto. Caperna era molto conosciuto e stimato, grande tifoso del Frosinone calcio.

La ricostruzione
Lo scontro tra la Hyundai i20 condotta dal cinquantatreenne e l'Audi Q2 è avvenuto intorno alle23 all'altezza del locale Zambardino. La dinamica è al vaglio dei carabinieri.

Il cordoglio
Tanti i messaggi di cordoglio e vicinanza alla famiglia di Caperna. E, come succede spesso in simili circostanze, tanti i post sui social. Tutti lo ricordano come una persona dal cuore grande, sempre sorridente. Anche la Curva Nord e il gruppo de I Leoni del Matusa si stringono al dolore della famiglia. Cordoglio inoltre dal Supino club Frosinone.