Un pauroso incendio scoppia nella palazzina ed è il pandemonio. Dramma sfiorato. Le fiamme, causate da un cortocircuito, si sono sprigionate all'improvviso ieri pomeriggio, verso le 15, nel quartiere Stazione a Ferentino, al secondo piano dello stabile abitato da nove persone, per lo più nigeriane, tra cui due bambini e una donna incinta.

Fumo, fuoco e panico, hanno investito anche i residenti, stessa nazionalità, del primo piano ed è stato il fuggi fuggi generale. Diverse squadre dei vigili del fuoco, quattro automezzi tra autopompe e autoscala, sono arrivati in via Stazione, oltre a tre pattuglie dei carabinieri della stazione cittadina e l'ambulanza del 118.

I soccorritori hanno messo subito in sicurezza la palazzina (già sede dell'ufficio postale) e tratto in salvo gli abitanti dai balconi, anche perché all'interno sono spuntate una quindicina di bombole del gas, tra cariche e vuote; i carabinieri hanno chiuso per circa 3 ore la traversa di via Stazione per ragioni di sicurezza, per paura di un'eventuale esplosione, vista la presenza delle tante bombole. I pompieri si sono serviti dell'autoscala per trarre in salvo gli inquilini. Sono stati attimi di paura.

Tante persone tra automobilisti e passanti, diversi stranieri, atteso che in zona Scalo a Ferentino ne vivono parecchi, hanno seguito a distanza le operazioni di spegnimento e l'evolversi della situazione. Il personale del 118 ha prestato assistenza ad un paio di inquilini che hanno inalato fumo, ma niente di grave e nessun trasporto in ospedale.

È stato richiesto l'intervento dell'ufficio tecnico del Comune che dopo il sopralluogo di un architetto, in accordo con i tecnici dei pompieri, hanno optato per l'evacuazione dell'intero secondo piano, evidentemente considerato a rischio e i 9 ospiti, grazie ai servizi sociali e alla diaconia, sono stati trasferiti in un albergo della zona, in via temporanea, fino al ripristino della sicurezza nella struttura incendiata data in locazione ai forestieri.

Le attività commerciali al pianterreno della palazzina sono state fatte aprire al pubblico più tardi. Il quartiere Scalo a Ferentino è già noto per gravi fatti di cronaca.
Si ricorda il dramma dello scorso dicembre, tra l'altro nella stessa struttura, al secondo piano. Vennero ritrovati privi di vita due giovani richiedenti asilo: una ventiquattrenne e un venticinquenne di origini nigeriane.
All'origine della tragedia una fuga di gas o le esalazioni di monossido di carbonio. I soccorritori in quella circostanza non potettero fare altro che constatare il decesso dei due ragazzi.