Ottocento dosi di vaccino Astrazeneca verranno somministrate tra oggi e domani soltanto presso l'hub della Prima Sole Components di Torrice. Ma poi bisognerà calcolare anche le dosi che saranno iniettate dai medici di famiglia negli altri centri che parteciperanno all'Open Day Astrazeneca per gli over 40

L'organizzazione
L'Open day presso l'hub di Torrice si svolge, dalle ore 16 alle 20, di oggi e domani. Sold out in poche ore i biglietti virtuali prenotati sul portale della Regione Lazio.
Per la vaccinazione è necessario presentarsi muniti di ticket virtuale e tessera sanitaria. Poi ci sono gli altri punti vaccinali, quelli dei medici di medicina generali.
Ai quali potranno accedere, con il sistema della prenotazione diretta, gli utenti dai 40 ai 78 anni assistiti o dai medici che hanno aderito al questo tipo di iniziativa o a quelli della propria unità di cura primaria.
Le postazioni sono 6. «I medici di medicina generale - ricorda l'Asl - continueranno a vaccinare, su prenotazione diretta, i propri assistiti o quelli della propria unità di cure primarie over 40».

Gli hub dei medici di medicina generale in aggregazione sono: Anagni, palazzetto dello Sport (otto medici, domani dalle 9 alle 18); Paliano palazzetto dello Sport (cinque medici, sabato dalle 9 alle 15); Fiuggi, palazzina medica Terme Anticolane(otto medici); Isola del Liri, palestra Itis, via Pirandello (otto medici); Frosinone, villa comunale (quindici medici, domenica dalle 9 alle 14); Arpino, centro polivalente, San Sossio (tre medici, sabato dalle 9.30)».

In totale 47 medici, che dovrebbero somministrare qualcosa come 1.500 dosi. Per un totale, comprendendo anche l'hub di Torrice, di 2.300 dosi.
In contemporanea, ha informato l'assessore Alessio D'Amato, per tutto il Lazio sarà «attiva la app Ufirst.
Con 3 clic si potrà avere il ticket virtuale. Sono disponibili oltre 20.000 slot. È una sperimentazione che se andrà bene verrà replicata».

Le vaccinazioni saranno eseguite negli orari indicati fino all'esaurimento delle dosi disponibili. Con il ticket virtuale è consentito lo spostamento per raggiungere il punto di somministrazione e il rientro nella propria abitazione. La dottoressa Caterina Pizzutelli, segretario provinciale della Federazione Italiana Medici di medicina generale (Fimmg), spiega: «Come medici di famiglia ci siamo messi immediatamente a disposizione per la campagna vaccinale, convinti di poter dare un contributo importante per il raggiungimento dell'immunità di gregge. È fondamentale tornare alla piena normalità il prima possibile, anche per considerazioni di tipo sanitario. Perché ci sono tutte le altre patologie che non sono scomparse e che necessitano di cure continue. La gestione di queste patologie è stata penalizzata dall'emergenza Covid».

L'intenzione della Regione Lazio è di replicare l'iniziativa il 2 giugno prossimo. Senza però alcun vincolo. Per quanto riguarda l'hub di Frosinone alla Villa Comunale, ai medici di famiglia dovrebbero essere consegnate 22 fiale. Il che vuol dire 240 dosi di vaccino.
Pierpaola D'Alessandro, direttore generale della Asl di Frosinone, dice: «Siamo pronti per questo Open Day che rappresenterà una spinta enorme per quanto riguarda la campagna vaccinale. Come Asl siamo impegnati con tutte le nostre forze e ci sarà il contributo decisivo dei medici di famiglia». In tutta la Regione i punti vaccinali coinvolti saranno 21. L'assessore Alessio D'Amato ha detto: «Il sold out è un successo straordinario e inaspettato su Astrazeneca. Ripeteremo sicuramente l'esperimento. Ho già richiesto al generale Figliuolo un aumento di dosi».

Le farmacie
Per quanto riguarda la vaccinazione anti-Covid sono pronte a scendere in campo anche le farmacie. Un centinaio in provincia di Frosinone, come conferma il presidente dell'ordine Riccardo Mastrangeli. Inizialmente si era parlato del 17 maggio come possibile data di questa ulteriore opzione.
Ma a questo punto è più verosimile che il giorno dell'inizio sarà lunedì 24 maggio. Nella farmacie si potrà somministrare il vaccino Johnson & Johnson. Ma probabilmente anche Astrazeneca. E del servizio potranno usufruire i cittadini dai 18 ai 60 anni.

Il presidente di Federfama nazionale Marco Cossolo ha detto: «Funzionerà su domanda individuale. Chi vuole vaccinarsi potrà recarsi direttamente dal suo farmacista e chiedere l'appuntamento. Un percorso semplice e veloce che favorisce la partecipazione alla campagna di profilassi. L'obiettivo da raggiungere è di 20-30 somministrazioni in ogni farmacia. Oltre 25.000 colleghi hanno completato il corso di formazione dell'Istituto superiore di sanità. Presumibilmente utilizzeremo i preparati di Johnson & Johnson e Astrazeneca perché sono più facili da gestire dal punto di vista logistico, visto che possono essere conservati nei frigoriferi di cui ogni farmacia è dotata. La somministrazione verrà effettuata nei gazebo esterni dove già vengono eseguiti i tamponi». Si tratta di un'opzione ulteriore.

I numeri della profilassi
In provincia di Frosinone sono state somministrate 173.770 dosi di vaccino. E le persone che hanno completato il percorso vaccinale sono 65.000, considerando pure coloro i quali hanno effettuato la profilassi fuori dalla Ciociaria. Il 36,42% di prime dosi sull'intera popolazione target (non vengono considerati i cittadini fino a 16 anni di età) e oltre il 15% di seconde dosi. In tutto il Lazio sono state somministrate 2.540.000 dosi (oltre 45.000 ieri) e 845.000 persone hanno completato il percorso vaccinale. Con le due dosi. Il 35% di prime dosi sull'intera popolazione target e oltre il 18% di seconde dosi. Dalla mezzanotte del 14 maggio sono state aperte le prenotazioni per le classi di età 52 e 53 anni, ovvero per i nati nel 1969 e nel 1968.
Da oggi parte l'hub vaccinale della multiutility Acea. Farà parte dell'Open Day e della rete di hub vaccinali.
Dice l'assessore Alessio D'Amato: «Un ringraziamento ad Acea per la disponibilità». Da lunedì 17 saranno estesi i richiami del vaccino Pfizer a 5 settimane, ossia 35 giorni. Questo perché «l'allungamento, recependo le raccomandazioni del Comitato Tecnico Scientifico e della struttura commissariale, consentirà un aumento della platea delle prime dosi del vaccino Pfizer a partire già dal mese in corso, ovvero determinando un aumento della copertura della popolazione».

Sottolinea l'unità di crisi: «A titolo esemplificativo, chi doveva fare il richiamo Pfizer il 17 maggio, lo farà sempre nello stesso luogo e alla stessa ora il 31 di maggio e così a seguire».

La giornata
Intanto anche in provincia di Frosinone continua la discesa delle curve dei contagi e dei decessi. Ieri 51 nuovi casi su 1.905 tamponi effettuati. Per un tasso di positività del 2,6% I negativizzati, quelli che cioè hanno superato la malattia, sono stati 96. E zero decessi.
Si sono registrati 9 contagi a Cassino, 8 ad Alatri, 8 a Ceccano, 4 a Ripi, 3 a Pontecorvo.Quindi2 casi in ognuno di questi Comuni: Fontechiari, Frosinone, Fumone, Pofi, Sora. Poi 1 caso in ognuno di questi Comuni: Anagni, Ferentino, Fiuggi, Guarcino, Morolo, Pastena, Sant'Elia Fiumerapido, Trevi nel Lazio, Vico nel Lazio. Siamo nella settimana numero 63 dall'inizio della pandemia. Sono passati 439 giorni dal primo caso del due marzo 2020. Questa la sequenza: 27 contagi il dieci maggio, 34 l'undici, 62 il dodici, 43 il tredici, 51 il quattordici. Per un totale di 217 nuovi contagi e una media giornaliera di 43,4.

Questo l'andamento completo delle medie giornaliere dei casi nelle ultime settimane: 192,57 nella cinquantaduesima, 226,71 nella cinquantatreesima, 247,7 nella cinquantaquattresima, 191,71 nella cinquantacinquesima, 149,29 nella cinquantaseiesima, 125,85 nella cinquantasettesima, 96,42 nella cinquantottesima, 74,85 nella cinquantanovesima, 74,28 nella sessantesima, 58,71 nella sessantunesima, 56,42 nella sessantaduesima.

Queste le medie mensili dei contagi:13,8 casi al giorno a marzo 2020, 7,63 ad aprile, 0,83 a maggio, 0,46 a giugno, 0,35 a luglio, 5,16 ad agosto, 7,43 a settembre, 113,8 a ottobre, quando i nuovi casi sono stati 3.528.
Poi il boom a novembre, con 6.588 contagiati. Per una media di 219,66 ogni ventiquattro ore. A dicembre 3.468 contagi, per una media giornaliera di 111,87.
A gennaio i contagi in totale sono stati 3.144, per una media di 101,42. A febbraio 3.526 nuovi casi, per una media giornaliera di 125,92. A marzo 2021 i contagi sono stati 6.063, per una media quotidiana di 195,58.
Ad aprile 2.612 casi. Per una media di 87,06. Per quanto riguarda il mese di maggio, finora 678 nuovi casi. Per una media di 48,48 ogni ventiquattro ore.
Nella settimana compresa tra il 7 e il 13 maggio ci sono stati 409 nuovi casi. Su un totale di 12.475 tamponi.
Tasso di positività al 3,27%. I guariti sono stati 596.
Con 409 contagi l'incidenza di nuovi casi ogni 100.000 abitanti è crollata a 85,24. Ampiamente al di sotto della soglia di 250, sopra la quale scatta la zona rossa.
I ricoverati in terapia intensiva sono 6. A marzo e aprile erano 24. In questa settimana sono stati somministrate 20.457 dosi di vaccino. Come al solito la Asl comunica anche i bambini nati dal 7 al 13 maggio: sono stati 23.
Nel Lazio ieri 706nuovi casi positivi su 32.000 tamponi.
E 10 decessi.