Il trend ormai si è consolidato. Ieri, per il quattordicesimo giorno consecutivo, il numero dei nuovi positivi si è attestato sotto quota 70 e, per la quinta vota degli ultimi dodici, si è rimasti sotto i 50. L'ultimo bollettino elenca 43 contagi, 59 guariti e un decesso. Il tasso resta sotto il 4% e l'incidenza è a 73.

La vittima
Riporta un solo decesso il bollettino ciociaro: si tratta di una donna di 73 anni di Pignataro Interamna. È la vittima numero 5 della settimana. La passata, al giovedì, avevano perso la vita per il Covid 9 persone sulle 12 totali del periodo. Su 23 decessi dal 26 aprile al 2 maggio, al giovedì se ne contavano 16. La speranza è che, anche questo dato, finalmente cominci a scendere, considerato che ad aprile sono morte 103 persone e a maggio finora 24.

La situazione
Nessuno dei 18 comuni ciociari con almeno un positivo supera la doppia cifra di contagi. Questa la situazione alla luce del bollettino diramato dalle autorità sanitarie: Cassino 9 casi, Frosinone 8, Ceccano 5, Ferentino 4, Piglio 3, Amaseno 2, Alatri, Anagni, Cervaro, Colfelice, Fiuggi, Isola del Liri, Morolo, Paliano, Pontecorvo, Ripi, Rocca d'Arce e Veroli 1.A maggio sono 561 i contagiati,  per una media di 43,15, praticamente dimezzata nel confronto con gli 87,06 di tutto aprile. In questo mese sono 85 i nuovi casi a Frosinone, 70 a Cassino e 47 ad Alatri.

Il tasso
Si mantiene sotto il 4% l'indice di positività calcolato sui tamponi positivi rispetto ai test eseguiti. In 23 giorni solo una volta è stato oltre il 5% con il 5,68% di lunedì, ma su un numero molto limitato di tamponi (475), tra i più bassi dell'ultimo periodo. Ieri, comunque, il 3,51% è risultato in risalita dal 2,85% di mercoledì e dal 2,09% di martedì. Il dato è perfettamente allineato con la media settimanale, attualmente al 3,53%. La scorsa settimana, peraltro, si era chiusa sugli stessi livelli, al 3,68%, mentre nel periodo 19-25 aprile il tasso medio era stato del 4,89% e la settimana prima ancora al 4,50%. A maggio il tasso medio è al 3,38% contro il 5,39% di aprile e il 10,94% di marzo. Prima ancora febbraio aveva toccato il 12,81% e gennaio l'11,13%.

L'incidenza
Non subisce particolari scossoni l'incidenza su 100.000 abitanti. Considerando gli ultimi sette giorni è attestata a 73, in calo rispetto all'inizio della settimana, partita con 84 e poi scesa a 78 e 77. Venerdì scorso, che è poi il giorno preso come parametro di riferimento per questo indicatore, il valore era di 70, mentre il venerdì precedente era a 105,03. Andando più a ritroso, il 23 aprile era al 111,32. Nell'ultimo periodo la quota massima toccata è di 366,04 tra il 6 e il 12 marzo.

I guariti
Dopo che mercoledì, insolitamente, si erano contati più nuovi positivi che guariti, ieri i negativizzati sono risultati 16 in più, 59 contro i 43 casi. In questa settimana i guariti sono 254. Le ultime due si erano chiuse a 693, la precedente, e a 671 tra il 26 aprile e il 2 maggio, l'ultima di maggio, invece, erano stati 939. In questo mese sono state accertate 1.093 guarigioni con il totale da inizio anno che raggiunge la cifra di 17.048.

I tamponi
Sono 5.505 i tamponi lavorati in questa settimana. Dopo i 2.174 di mercoledì ieri si è scesi a 1.226. Si registra un decremento rispetto alla scorsa settimana che, al giovedì, contava già 6.147. Dal 3 al 9 maggio sono stati processati 11.387 tamponi, in quella prima 11.323 e dal 19 al 25 aprile 11.845. Il massimo raggiunto ultimamente sono i 16.827 tra l'8 e il 14 marzo.