Scarsa manutenzione del territorio, la mancanza di personale è alla base del problema. Dopo l'attacco del consigliere Marco Colucci, puntuale giunge la replica dell'assessore Floriano Bertoni. «In un contesto "normale" avrebbe ragione il consigliere Colucci - spiega l'assessore - Ceprano non è curata come sarebbe auspicabile, ma l'errore che commette il consigliere è duplice. Il suo è l'ennesimo tentativo di semplificare una realtà ben più complessa, che dimostra di non conoscere.

Dire che l'Amministrazione non si guarda intorno è ridicolo. Conosciamo benissimo la situazione delle strade, dei giardini, delle scuole, tutto regolarmente gestito da una nutrita squadra di manutenzione fino a qualche tempo fa. Ora, invece, il problema esiste perchè il personale a disposizione è diminuito per i pensionamenti e, purtroppo, l'accesso al Fondo di Rotazione per pagare i vecchi debiti non consente di effettuare un auspicabile turnover. Per questo - chiarisce Bertoni - stiamo valutando tutte le opzioni possibili per migliorare l'attuale situazione.

Al bisogno, risulterà fondamentale l'impiego delle persone che percepiscono il Reddito di cittadinanza. Anche in questo caso non sarà una passeggiata, ma il percorso lo abbiamo avviato e dovrebbe portare al miglioramento dell'attuale condizione. Inoltre, vorrei ricordare che abbiamo sollecitato e programmato con gli enti o i gestori di servizi competenti sul nostro territorio, come il consorzio "Valle del Liri", la Società Autostrade, la Regione e la Provincia, gli interventi di loro competenza. In parte sono stati realizzati, mentre altri lo saranno nelle prossime settimane».

L'assessore conclude: «Per quanto dice Colucci sui volontari, non è una strada semplice, ma basterebbe maggiore collaborazione nella cura delle pertinenze delle abitazioni per migliorare l'esistente. Una mano, per esempio, ce la danno coloro i quali prendono in gestione le aiuole. In ogni caso, stiamo predisponendo un piano di interventi, compatibile con le ristrettezze di bilancio, affinchè oltre alla cura degli spazi sia migliorata anche la loro qualità. Non è semplice, anche per questo clima che alterna sole e pioggia, ma faremo di tutto per rispondere alle esigenze del paese».