Un altro riconoscimento importante per l'Iis "Martino Filetico" di Ferentino, designato anche scuola Polo di una rete nazionale per la diffusione delle metodologie innovative. Attraverso un piano straordinario di formazione dedicato agli studenti delle scuole secondarie superiori di II grado aderenti al progetto, la Rete abilita e sostiene la diffusione di nuove modalità di apprendimento per integrare gli obiettivi formativi dei programmi didattico-curriculari con quelli perseguibili grazie a modelli formativi complementari.

Il progetto ha coinvolto 14 Istituti superiori impegnati in una sperimentazione attiva per rinnovare la didattica; 56 studenti provenienti da delegazioni scolastiche di Lombardia, Piemonte, Sardegna, Sicilia, Toscana, Calabria, Abruzzo, Campania, Lazio, Molise hanno seguito attività didattiche laboratoriali organizzate secondo un nuovo format in modalità digitale; titolo del progetto "Treus", antico nome del fiume Sacco. Esso ha rafforzato lo spirito di appartenenza al territorio e ne ha condiviso la conoscenza con i partecipanti di altre regioni. Gli studenti hanno vissuto un'esperienza di co-progettazione e mappatura del territorio nel periodo marzo-aprile 2021.

Nella finale le squadre hanno presentato le proposte progettuali di un videogioco; due le squadre-scuole vincitrici, l'Istituto Buontalenti di Firenze e il Liceo Talete di Roma, hanno vinto un campus di 5 giorni per partecipare alla Gaming week a Milano a ottobre, dove continueranno il percorso insieme al "Martino Filetico". Inoltre il 17 aprile scorso si è svolta la II edizione della fase provinciale del Premio Scuola Digitale, l'iniziativa del Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca, per promuovere l'eccellenza e il protagonismo delle scuole italiane nell'apprendimento e insegnamento, incentivando l'utilizzo delle tecnologie digitali. Il "Martino Filetico" di Ferentino è stato individuato dal Ministero dell'Istruzione quale scuola polo provinciale, sotto la guida della dirigente Cristina Boè; l'iniziativa a cura delle promotrici e referenti, prof Daniela Meaglia e Sabrina Cerilli.