In preparazione il bando per l'affidamento dei lavori di manutenzione straordinaria in via Triventi. L'intervento era stato programmato dopo l'apertura della nuova bretella nella zona industriale, destinata al traffico pesante. L'annoso problema della promiscuità dei mezzi utilizzati dai cittadini e quelli pesanti al servizio dell'azienda sita al termine della strada periferica, era stato definitivamente risolto con la realizzazione della nuova bretella. Ovviamente, con la deviazione dei Tir è stato risolto il problema dei residenti della zona, che subivano disagi per l'inadeguatezza della strada al passaggio dei camion.

Ora, però, bisogna intervenire sulla strada che, soprattutto in alcuni tratti, presenta buche e asfalto dissestato. Il tracciato periferico, destinato a servire gli abitanti di via Triventi, non costituisce più un pericolo per il passaggio dei mezzi pesanti, ma deve essere risistemato definitivamente. In passato sono stati effettuati interventi di manutenzione straordinaria, puntualmente vanificati. Adesso, le opere verrebbero realizzate definitivamente in quanto su via Triventi non transitano più i Tir. Gli abitanti della zona, che si sentono finalmente liberi dopo l'apertura della bretella, aspettano la messa in sicurezza definitiva della strada. La deviazione dei mezzi pesanti che i cittadini chiedevano da tempo è stata realizzata.

La questione si chiuderà con un intervento di manutenzione straordinaria, che potrà mettere la parola fine a un problema che per anni ha creato parecchi disagi ai residenti della zona, oltre rendere il clima teso con l'azienda locale. Spesso, infatti, gli animi dei cittadini e degli autotrasportatori si sono accesi con spiacevoli scontri verbali. La nuova bretella serve la zona industriale in cui sorge anche il polo artigianale, destinato a decollare con attività produttive e si spera che anche nuove start-up diano un impulso positivo all'economia locale.

Il Consiglio comunale ha approvato il regolamento per la gestione del polo, dovrà essere pubblicato l'avviso per la concessione dei locali. Quindi, si spera che la nuova struttura che sorge nella zona Asi possa diventare un fulcro produttivo di successo.