Riparte dalla città di Veroli, ed esattamente dall'istituto superiore "Giovanni Sulpicio", la seconda edizione di "Mio Mondo, Il Mondo lo salvo io!" il concorso ideato e promosso dall'Impresa Sangalli per scovare i migliori influencer italiani dell'ambiente. Dei veri e propri ambasciatori capaci di sensibilizzare i loro coetanei, ma anche gli adulti nell'adottare comportamenti sostenibili e rispettosi del mondo in cui viviamo. Dopo l'incontro di formazione, che coinvolgerà anche le scuole di Veroli e di Peschiera Borromeo, i ragazzi saranno chiamati a realizzare lavori creativi in formato social. I migliori lavori, oltre ad essere oggetto di uno spettacolo dedicato, decreteranno la nomina a "Mio Mondo Influencer".

Giovedì prossimo gli studenti del "Sulpicio", diretto dal professore Salvatore Cuccurullo, parteciperanno a una lezione online condotta dal testimonial del progetto – il volto RAI Oreste Castagna e da Sandro di Scerni esperto di Impresa Sangalli. Il momento formativo approfondirà con i ragazzi il significato di riciclo, i fenomeni di compostaggio, e l'analisi della filiera per cui un prodotto che si deve scartare può essere utilizzato per creare calore e trasformarsi in nuove energie.
Parallelamente i ragazzi avranno la possibilità di commentare il calendario "Lo Scarto di Gulliver è un tesoro per Lilluput" realizzato per Impresa Sangalli dal fotografo Marcello Cavenaghi e dall'Interior Designer Marina Novi.

«Vogliamo partire da un'esperienza didattica a tutto tondo per poi passare al discorso creativo stimolando la fantasia dei ragazzi per una giusta causa: difendere il Pianeta Terra!» – ha ricordato Oreste Castagna.
«In questo anno scolasticamente molto complesso abbiamo deciso lanciare la seconda edizione di Mio Mondo rafforzando ancora di più il legame con la didattica. Vogliamo dare la possibilità ai ragazzi di apprendere, conoscere ed elaborare - attraverso tutta la loro creatività - il loro modo di rispettare l'ambiente e di proteggere il pianeta. Soltanto insieme si può trovare la chiave per salvare il mondo e rispettarlo» - aggiunge Alfredo Robledo, presidente di Impresa Sangalli.