C'è qualcosa di nuovo nell'"aria" che in questi giorni si sta facendo conoscere sotto il nome di "Fiuggi Experience". Dopo anni e anni di discussioni sterili, disastri industriali con annessi valanghe di debiti in capo alla comunità, progetti turistici annunciati mai realizzati e quasi sempre anacronistici, si ha oggi chiara l'impressione che l'asticella tenda ad alzarsi in qualità e spessore. Merito certamente di un consiglio comunale nella sua interezza, tutti nessuno escluso minoranze comprese che che si va confermando come il migliore di sempre.

In tale contesto si sta ragionando su modelli innovativi legati al turismo con parametri adeguati e una visione strategica complessiva come le esigenze del mercato di settore impongono. Qui trova ampio risalto quel segmento conosciuto come economia etica ed ambiente. Quell'enorme mondo della green economy che prima della pandemia valeva un miliardo e mezzo di turisti su scala planetaria.

Questo si pone come obiettivo quel pezzo del Progetto Ponte - Fiuggi 2021 che porta il nome di "Fiuggi Esperience" e che vede impegnate come team leader la vice sindaco Marina Tucciarelli, l'assessore al turismo, Simona Girolami in compartecipazione con i gruppi consiliari e le associazioni di categoria: «Un calendario di esperienze gratuite che, per ogni week end fino al 10 ottobre, prevede una visita guidata in centro storico o presso la Fonte Bonifacio VIII e l'architettura del 900 e trekking a rotazione su 9 percorsi che interessano anche i comuni dell'hinterland ed inoltre tour in bike su altri 7 percorsi nella città termale e nei paesi limitrofi». Il tutto è già on line sul sito comunale.

Si è consapevoli che questo merita una promozione adeguata in tempi di vacche magre. E anche che la Regione Lazio più volte su questo si è detta disposta a scommettere.