"Apprendiamo dell'ennesima aggressione avvenuta oggi ad opera di un detenuto, con problemi psichici, nei confronti del personale della polizia penitenziaria" - Così il Segretario Generale CISL FNS Lazio F.to Massimo Costantino. 

"Si tratta del terzo caso in meno di 20 giorni, non si può più andare avanti così. Il personale è stremato non ha competenza su detenuti con patologie psichiatriche

Per la Fns Cisl Lazio occorre intervenire e modificare la legge sulle REMS perchè, cosi come scritta, a rischiare sono solo il personale di Polizia Penitenziaria e i dirigenti, appare urgente ,quindi, determinare protocolli d'intesa, specifici poi nelle diverse realtà, con le Regioni appunto al fine di gestire questa tipologia di detenuti;

Per la Fns Cisl Lazio occorrono maggiori garanzie a tutela del personale per salvaguardare l'incolumità di chi espleta lavoro nelle carceri."