Atto sacrilego verso San Sisto. Entrano nella cattedrale di San Paolo a Civita non per una visita al patrono o una preghiera, ma per rubare uno dei due ceri posti sotto l'enorme statua. Per farci cosa? Un mistero. Pensare che ci possa essere una motivazione appare difficile. Al di là del suo valore, si tratta di quello pasquale che durante i festeggiamenti viene posizionato davanti alla statua insieme all'altro che annualmente il primo cittadino dona in un'apposita cerimonia molto sentita. Come puntualmente accaduto anche quest'anno con la ricorrenza che si è avuta nel mese di aprile. Un fatto deprecabile e per certi versi inspiegabile, ma che sta generando sconcerto e amarezza tra i fedeli, visto il forte legame che ha la città con il suo patrono. Soprattutto in questi ultimi due anni che a causa del Covid non sono state celebrate la festa e la processione in suo onore.

Il fatto è accaduto alcuni giorni fa ma la notizia è trapelata successivamente e con una certa "fatica".
C'è però una speranza, che è quella dei filmati delle telecamere del sistema di videosorveglianza che si trovano all'esterno della cattedrale e in questo ultimo caso si tratta di quelle comunali. Ed è facile immaginare che la verifica si stia effettuando, o sia stata già fatta, presso il comando della polizia locale sotto l'azione del maggiore Dino Padovani visto che i filmati confluiscono nella centrale operativa presente nella sede della municipale. Ma ad occuparsi delle indagini saranno i carabinieri della locale stazione agli ordini del comandante Di Iorio visto che il sacerdote Don Giuseppe si è recato in caserma per effettuare regolare denuncia.

Lo sfogo di Sandro Vinci
«Un fatto triste sotto tutti i punti di vista afferma Sandro Vinci, ex priore della Confraternita di San Sisto e attuale "incollatore" Non ci sono parole per quanto accaduto.
Spero che il responsabile o i responsabili vengano individuati. Non per il valore economico del cero ma per quello che rappresenta per l'intera città, e cioè la devozione a l'amore per il nostro patrono San Sisto».
Molti fedeli in queste ultime ore, appresa la notizia, si stanno recando in chiesa per una preghiera.