Effrazione nella sezione emeroteca della biblioteca comunale di Veroli. La scoperta ieri intorno alle 12 del bibliotecario Paolo Scaccia Scarafoni, il quale aveva raggiunto la stanza per portare alcuni giornali. Quando ha aperto il portone ha scoperto che ignoti, forse anche nei giorni precedenti, avevano fatto irruzione nel locale, fortunatamente però non portando via nulla. Un episodio che ha fatto tornare alla mente quanto accaduto lo scorso febbraio e in altre occasioni.

Tre mesi fa, infatti, un'altra intrusione. Ignoti entrarono danneggiando il portone d'ingresso della biblioteca, portando via un computer. Sempre nei mesi scorsi vandali hanno rotto finestre con pietre, lasciando a terra anche bottiglie di birra, probabilmente "tracce" di una serata di festa. Nella zona dove si trova la biblioteca comunale, oltre alla scuola, non ci sono appartamenti o abitazioni, pertanto la piazzetta è spesso ritrovo di persone, soprattutto durante le ore serali, a volte anche in barba al coprifuoco.

Quanto accaduto ha portato di nuovo alla ribalta il problema delle "notti brave" nel centro storico. Si torna a chiedere l'installazione di impianti di videosorveglianza in punti più sensibili della città ernica e maggiori controlli per scoraggiare vandali e ladri. L'episodio di ieri è stato segnalato alle forze dell'ordine e si è provveduto subito a segnalare il danneggiamento del portone per poter intervenire e sistemarlo.

DA NON PERDERE!

Tutti gli approfondimenti su questo argomento sono disponibili nell'edizione odierna, in edicola o nella versione digitale di Ciociaria Oggi.
EDICOLA DIGITALE: Approfitta dell'offerta, un mese a soli € 0.99