Droga nei serbatoi modificati al posto della benzina.
Da Casalecchio di Reno (Bologna), Perugia, Ostia, Albania e Germania arrivava in Ciociaria per essere immessa nel mercato locale. Dopo i primi patteggiamenti, ieri ne sono seguiti altri tre. Poi un altro imputato, per una posizione minore, ha chiesto la messa alla prova e altri due il rito abbreviato. In quindici erano rimasti a difendersi davanti al gup del tribunale di Frosinone.

Hanno patteggiato i fratelli albanesi, residenti a Ferentino, Myftar Balliu, a 4 mesi in continuazione con un'altra condanna, e Mateo Balliu, a 8 mesi, con pena sospesa dopo la riqualificazione dell'accusa in spaccio di lieve entità nonché Lorenzo Sabellico, 44, di Alatri a 2 mesi. I trasporti di stupefacente finiti nel mirino dei carabinieri sono avvenuti da novembre del 2017 fino al 6 giugno 2018.

In particolare dei viaggi effettuati da Bologna e Perugia sono accusati i due Balliu. L'udienza è stata aggiornata al 16 luglio per discutere i riti ordinari, definire la messa alla prova e i due abbreviati. Nel collegio difensivo gli avvocati Marco Maietta, Antonio Ceccani, Angelo Testa, Alioska Baccarini, Tony Ceccarelli, Giampiero Vellucci