Nei giorni scorsi aveva investito un giovane disabile e poi era fuggito. La vicenda aveva destato molto scalpore in città scatenando rabbia e polemiche sui social.

Gli agenti del commissariato della città volsca, dopo tempestivi accertamenti, sono riusciti a risalire all'identità del pirata della strada. Dovrà rispondere di omissione di soccorso e lesioni personali.

Il 32enne investito era bordo del suo motorino elettrico per persone diversamente abili quando, all'altezza    della rotatoria, che viale San Domenico forma con la strada nuova tangenziale, è stato urtato nella parte anteriore sinistra del suo mezzo da un'auto che sopraggiungeva a forte velocità.

Nel frangente, a causa dell'impatto, il giovane è precipitato rovinosamente sull'asfalto. A soccorrerlo altri utenti della strada che hanno assistito all'incidente, mentre il pirata della strada, dopo aver rallentato per qualche secondo, ha ripreso la sua folle corsa. A causa delle ferite riportate la vittima ha fatto ricorso alle cure dei sanitari.

Lo spiacevole episodio è stato denunciato ai poliziotti del locale commissariato che, dopo aver ricostruito l'accaduto ed essere risaliti all'identità del conducente di quell'auto, un 43enne del luogo, lo hanno indagato per omissione di soccorso e lesioni personali.