Sempre in azione, da anni. Cambiano le amministrazioni ma loro no, loro sono un punto di riferimento. Sempre pronti a rimboccarsi le maniche e a darsi da fare per la loro città, perché amano questi luoghi, perché rispettano l'ambiente e perché non sopportano gli incivili.

Le casacche blu dei Quis Contra Nos hanno invaso il lungofiume sabato pomeriggio per ripulire una delle aree più amate e frequentate dai cittadini per le attività sportive e per passeggiare in famiglia e con gli amici.
«Oltre 50 i bustoni di rifiuti raccolti sabato sul lungofiume Rapido, zona adiacente la pista ciclabile.
Abbiamo trovato di tutto: dai soliti copertoni alle damigiane di vetro. Lampadari, televisioni, altri oggetti in metallo e plastica di tutte le misure e dimensioni - spiega Paolo, uno dei volontari - Tapparelle e avvolgibili. Bidoni di vernice semipieni. Una bombola del gas. Tanto e tanto altro ancora. Il tutto in una delle zone più belle e frequentate della città.

Nello scenario di inciviltà riscontrato tra quelli che ancora usano la natura come pattumiera ho però visto, vissuto e respirato un'aria di festa, allegria: comunità.
Per questo motivo voglio ringraziare le famiglie che si sono organizzate portando anche i loro bimbi. Hanno insegnato loro attraverso il gioco il senso del rispetto e l'amore per la natura. Quei bambini saranno uomini migliori. Grazie anche agli altri volontari: sia ai singoli, sia ai componenti di altre associazioni - prosegue - Infine il mio "grazie" agli amici di sempre: quelli conosciuti oltre 40 anni fa e a quelli più giovani. Quelli che nel tempo hanno condiviso con me le emozioni legate alla squadra di calcio della nostra città e ora insieme continuiamo a dividere, in questo modo, l'amore per la nostra terra. Sempre a modo nostro.
Appuntamento al prossimo incontro».