Ancora una volta, nello stesso mare che bagna le nostre coste, delle vittime innocenti, in fuga dall'inferno della Libia e dalla miseria di un intero continente, hanno perso la vita su un gommone affondato in mezzo alle onde. «Alcune Ong - scrive la Diocesi - le cui operazioni di soccorso sono state rallentate da rimpalli di responsabilità, stimano oltre cento morti.

La Diocesi di Frosinone-Veroli-Ferentino si unisce al dolore delle famiglie di questi migranti, la cui morte arriva dopo innumerevoli sofferenze e violenze subite nel lungo viaggio che hanno dovuto affrontare. Come donne e uomini di fede, non possiamo rimanere indifferenti a queste grandi ingiustizie, che continuano a ripetersi come effetti devastanti di conflitti e disastri ambientali a lungo ignorati. Desideriamo pertanto riunirci nella preghiera "Morire di speranza", animata dalla Comunità di Sant'Egidio, che il Vescovo Ambrogio presiederà» oggi, alle 19.30, nella parrocchia di San Paolo Apostolo.