La vera rivoluzione green viaggia sui binari della rete ferroviaria regionale con treni sempre di più "eco", alimentati a idrogeno. Questo l'obiettivo della mozione presentata dal consigliere regionale e capogruppo del M5s Loreto Marcelli e da Devid Porrello, consigliere dello stesso gruppo e vicepresidente del consiglio regionale del Lazio.

La mozione sollecita l'inserimento della tratta ferroviaria Cassino-Sora-Avezzano nella lista di quelle potenzialmente suscettibili di conversione alla trazione a idrogeno. «Il tavolo di coordinamento e confronto per la sperimentazione dell'idrogeno in ambito ferroviario che è stato istituito presso la direzione generale per il trasporto e le infrastrutture ferroviarie del Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, ha inserito nella lista delle linee suscettibili di riconversione alla trazione ferroviaria a idrogeno, la tratta Terni-Rieti-L'Aquila-Sulmona - spiega Marcelli - Proprio perché ha caratteristiche del tutto simili, riteniamo utile che il presidente della Regione interloquisca con il tavolo di coordinamento affinché anche la Cassino-Avezzano, sia presa in considerazione».

A fargli eco Porrello: «La sostenibilità e la resilienza delle infrastrutture e dei sistemi a rete sono centrali nella strategia del piano di ripresa e resilienza che prevede l'adozione di modalità di trazione innovative nel trasporto passeggeri, basate anche sull'utilizzo di treni a idrogeno. Quante più infrastrutture riusciremo a convertire a energia pulita, tanto più faremo passi avanti verso il programma "Next generation Eu"».