Dopo l'incontro tra i sindacati italiani e i vertici di Stellantis, che giovedì scorso hanno confermato il piano industriale, ma allo stesso tempo hanno ribadito che ci saranno dei tagli, adesso la partita è tutta politica. Sia a livello nazionale, che locale.

Questa mattina, infatti, il premier Mario Draghi ha incontrato i segretari di Cgil, Cisl e Uil per fare il punto sulle questioni più spinose e sulle vertenze che sono in corso. Si parte, inevitabilmente, dal settore automotive: tema che era stato affrontato nelle scorse settimane in un vertice al Mise.

Ma è stato affrontato anche il nodo relativo al blocco dei licenziamenti. Quanto emergerà dall'incontro di oggi non sarà affatto secondario per Cassino: con lo sblocco dei licenziamenti al 30 giugno, così come previsto dal Governo, nel secondo semestre dell'anno potrebbero esserci ripercussioni negative importanti sul fronte dell'occupazione nelle fabbriche dell'indotto di Fca Cassino Plant che, avendo poche commesse, si stanno mantenendo anche e soprattutto con gli ammortizzatori sociali.

Ma importante sarà anche il ruolo che il Governo deciderà di giocare nel comparto dell'automotive: nel Gruppo Stellantis è presente una componente statale, ma è quella francese di Psa; i sindacati chiedono pertanto un maggiore coinvolgimento da parte del Governo.

La battaglia politica prosegue anche sul fronte locale: in settimana dovrebbe esserci una nuova convocazione della Consulta dei Sindaci del Lazio Meridionale.
L'ultimo incontro risale a due settimane fa, prima del vertice con Stellantis. Adesso gli amministratori locali torneranno a fare il punto con le organizzazioni sindacali dopodiché si deciderà come procedere.
I sindacati, intanto, hanno chiesto un incontro ai vertici di Cassino Plant per fare il punto sui carichi di lavoro in fabbrica.

Sul fronte Alfa
Intanto altre novità riguardano nello specifico Alfa Romeo. Secondo quanto si apprende da fonti ben informate il famoso designer Alejandro Mesonero-Romanos avrebbe detto addio al gruppo Renault dove era approdato meno di un anno fa occupandosi delle nuove auto di Dacia per andare in Stellantis. In particolare si dice che l'ex capo del design di Seat e Cupra, protagonista dello sviluppo di modelli fondamentali per il rilancio della casa automobilistica spagnola possa approdare in Alfa Romeo. Si tratterebbe del secondo grande colpo per Alfa Romeo dopo la nomina ad amministratore delegato dell'ex numero uno di Peugeot Jean-Philippe Imparato.

Alejandro Mesonero-Romanos è stato il design director di Seat dal 2012 al 2020, quando è tornato nel gruppo Renault per mano del suo nuovo Ceo Luca de Meo.
E nel gennaio 2021 è stato nominato direttore del design di Dacia. Tuttavia, il designer madrileno lascerà ufficialmente il gruppo Renault il prossimo maggio.
Secondo l'Argus, il marchio rumeno avrebbe confermato la sua partenza. Dacia avrebbe già informato ufficialmente i team di progettazione del gruppo il 9 aprile che Alejandro avrebbe lasciato Dacia e il gruppo Renault.