«Speriamo che si intervenga subito, altrimenti la strada provinciale resterà così per almeno dieci anni».
Era stata questa la previsione del sindaco di Villa Santo Stefano, Giovanni Iorio, nel dicembre 2014, all'indomani della frana al Km. 2 della via provinciale che collega il paese con Amaseno e il Pontino, vicino al bivio dei "Porcini". Sono trascorsi quasi 7 anni e nessun intervento risolutivo è stato realizzato sull'importante arteria.

Anzi, da qualche mese, la strada è completamente chiusa al traffico (prima era a senso alternato), visto che il lungo fronte della frana ha distaccato oltre metà carreggiata. «Rischiamo di rimanere isolati definitivamente - dice oggi allarmato il sindaco Iorio - perchè la chiusura della provinciale ha dirottato il traffico sulle strade comunali e queste pure stanno per cedere. Praticamente, ogni giorno cerchiamo di sollecitare gli interventi. Dopo la Provincia, siamo passati a richiedere somme di urgenza direttamente alla Regione eseguire i lavori che ormai non si possono più rinviare».

Un serio problema per i mezzi pesanti, come per gli scuolabus e i pendolari. Alcuni residenti si sono rassegnati ma molti altri continuano a lamentare i disagi rivolgendosi agli amministratori, che sono davvero stressati dal permanere di questa situazione. La frana insiste su un costone di terra alto una quindicina di metri e ormai oltre metà della carreggiata si è distaccata per diverse decine di centimetri. Va bene che non ci sono fondi, che c'è la crisi, ma come si pretende di avviare la ripresa se non si interviene sulle infrastrutture primarie? L'augurio è che presto si trovino le risorse per ripristinare la normale viabilità sulla strad, perchè i dieci anni temuti dal sindaco sono ormai prossimi.