Un malore o forse un attimo di distrazione. Fatto sta che il suo furgone Fiat Doblò è uscito di strada. L'impatto è stato terribile e non gli ha lasciato scampo.
La tragedia è avvenuta ieri pomeriggio, intorno alle 16.30, in via Giacomo Matteotti a Bellona, in provincia di Caserta. A perdere la vita nello schianto il sessantasettenne Antonio Di Sotto, originario di Roccasecca ma da molti anni residente ad Atina, nella zona di Ponte Melfa.

L'uomo era un autista del comparto alimentare, sposato e padre di tre figli; ieri pomeriggio si stava recando in un ingrosso ortofrutticolo di Bellona per un carico. All'improvviso è accaduto qualcosa, forse un problema cardiocircolatorio, anche se non si esclude che possa aver perso il controllo del furgoncino per altre ragioni. Il mezzo è finito fuori dalla carreggiata. È stato avvistato poco dopo dagli automobilisti in transito che hanno immediatamente allertato i soccorsi.

Il personale del 118 di Bellona è giunto sul posto rapidamente, ma purtroppo non ha potuto far altro che constatarne la morte. La dinamica del tragico incidente è al vaglio dei carabinieri della compagnia di Capua che sono accorsi insieme ai soccorritori del 118 per i rilievi del caso e per disciplinare il traffico mentre il Doblò veniva rimosso. Proprio per chiarire se l'uomo abbia avuto un malore si è in attesa che l'autorità giudiziaria disponga la traslazione della salma presso l'istituto di medicina legale di Caserta perché venga eseguita l'autopsia. La notizia della morte di Antonio Di Sotto è giunta in serata in paese generando grande sconcerto e commozione.