In arrivo una serie di centraline per la ricarica delle auto a trazione elettrica, accreditata la prima tranche. La Regione Lazio, in merito all'Accordo di Programma per l'adozione coordinata e congiunta di misure per il miglioramento della qualità dell'aria, ha comunicato al Comune di Anagni il primo provvedimento di liquidazione quale prima quota, a titolo di anticipazione, per un importo pari al 20% del costo complessivo di ciascun intervento individuato.

L'intervento
Soddisfatto il vice sindaco Vittorio d'Ercole, assessore all'urbanistica, ambiente e lavori pubblici, il quale assieme al sindaco Daniele Natalia spiega come il finanziamento riguardi «La realizzazione di infrastrutture per il rifornimento di carburanti alternativi e per la ricarica di veicoli elettrici, realizzazione di infrastrutture per la mobilità ciclo-pedonale e la relativa interconnessione». Per poter usufruire dell'intero importo quota ottenuta dalla ripartizione delle risorse finanziarie assegnate ai Comuni, Palazzo d'Iseo «è invitato ad inviare entro 3 mesi dalla presente comunicazione, il progetto definitivo delle opere da realizzare con il relativo verbale di consegna dei lavori e del contratto di appalto o documenti assimilabili nel caso di contratti per l'a cquisto di beni o servizi».

L'ufficio regionale ricorda come «gli interventi approvati, rappresentano una delle azioni messe in campo dalla Regione Lazio, finalizzati al rientro dei limiti della qualità dell'aria e che la mancata realizzazione degli stessi ricadrà quale responsabilità principale in capo all'amministrazione comunale». Al lavoro, dunque, per evitare l'annullamento del finanziamento.