Sarà l'autopsia a chiarire ogni dubbio sulla morte di Americo Tullio, l'ottantenne di Frosinone trovato morto nel tardo pomeriggio di mercoledì vicino a una cava a Ferentino, al confine con Morolo, dove era andato in cerca di asparagi. Autopsia che chiarirà se l'anziano sia morto colto da malore e successivamente aggredito dagli animali o se si sia sentito male, spaventato forse dai cani che lo hanno assalito. Sul corpo dell'uomo sono state trovate ferite compatibili con morsi di cani.

E proprio due pitbull, di proprietà di una coppia che vive poco distante dall'uliveto dove è stato trovato il cadavere, sono stati prelevati per effettuare esami sulle loro feci per trovare eventuali tracce umane.
I proprietari, una donna di 37 anni e un uomo di 45 anni di Ferentino, si sono rivolti all'avvocato Mario Cellitti per cautelarsi nell'eventuale contestazione che potrebbe arrivare nei loro confronti nelle prossime ore. Potrebbero rischiare di essere accusati di omicidio colposo e di omessa custodia di animali. C'è massimo riserbo sulla vicenda da parte degli investigatori.
Questa mattina alle 10.30 il conferimento dell'incarico per l'esame autoptico al dottor Antonio Grande, mentre i figli di Tullio, che si sono rivolti all'avvocato Marco Maietta, nomineranno l'avvocato Marco Straccamore come consulente. A seguire il caso è il pm Adolfo Coletta.

La ricostruzione
Su diverse parti del corpo e anche sul viso del frusinate sono stati trovati segni di morsi di animali. Da chiarire, quindi, se si tratti di morsi dei due pitbull o di qualche altro cane, oppure se di cinghiali. A trovare il corpo ormai senza vita dell'ottantenne è stato un residente della zona, proprietario del terreno dove si trovava proprio il cadavere. Poco dopo sarebbe arrivato il proprietario dei due cani, che abita poco distante dal luogo.

Da quanto si è appreso non era la prima volta che Tullio raggiungeva la zona vicina alla cava in cerca di asparagi. L'altro ieri, però, la tragedia che ha lasciato tanto dolore e incredulità nei familiari, negli amici e in tutte le persone che lo conoscevano e stimavano.
Una notizia che ha sconvolto anche i residenti della zona; diversi tra l'altro hanno raggiunto l'area mercoledì intorno alle 19 quando è stato trovato il corpo senza vita del pensionato. Sul posto, oltre al personale medico che non ha potuto fare altro che constatare il decesso, sono intervenuti i carabinieri delle stazioni di Ferentino e Morolo.