Duemila aziende del Centro Italia pronte a vaccinare.
È un'anticipazione dei dati contenuti nel Rapporto Centro, in edicola oggi, con Il Sole 24 Ore in Emilia Romagna, Lazio, Toscana, Molise, Marche, Abruzzo e Umbria. Il Rapporto Centro del Sole 24 Ore spiega che dopo l'accordo Governo parti sociali le imprese si stanno organizzando per partire con la somministrazione ai dipendenti. Si dovrebbe partire da maggio se arriveranno le dosi necessarie.

Sono circa duemila le imprese del Centro Italia pronte a collaborare alla campagna vaccinale. Nel Lazio sono 300 le aziende in campo con l'obiettivo di procedere con le vaccinazioni dei dipendenti. Unindustria ha messo a disposizione la sede. 700 in Emilia Romagna tra queste i grandi marchi della Motor Valley, da Ducati a Lamborghini. In Umbria, il presidente degli industriali, Antonio Alunni, è molto orgoglioso delle 118 adesioni ottenute finora: «Siamo la quinta regione a livello nazionale se rapportiamo il numero delle imprese ogni 100mila abitanti».

In Abruzzo sono 111, dice il presidente della Confindustria regionale, Marco Fracassi, tra grandi e piccole. In Toscana sono oltre 500, di cui 120 a Firenze.
Nelle Marche le aziende che hanno già aderito sono 161. Anche il Molise ha dato la sua disponibilità: 11 aziende hanno risposto, tra cui la Performance Addivities e il pastificio la Molisana. Nel dossier un'intervista al presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti che annuncia: «La mia scommessa è mobilitare investimenti e cervelli, unire mondo della ricerca, imprese e centri tecnologici.
Stanziamo subito 200 milioni».