Il Decreto Sostegni bis sarà pari a 35-40 miliardi con un nuovo scostamento di bilancio che il Governo si appresta a richiedere in Parlamento per il 2021. Le prime bozze prevedono contributi a fondo perduto, con più attenzione alle partite Iva di ridotte dimensioni, proroghe fiscali selettive e bonus per le nuove assunzioni.

Nel settore turismo, in particolare in quello alberghiero, i nuovi ristori potrebbero attestarsi intorno al doppio di quelli ricevuti nei giorni scorsi, poche migliaia di euro (circa 2/3 mila per gli hotel in 3 stelle). Quindi gli albergatori dovranno rassegnarsi a ricevere il "doppio di niente". Allo stato attuale non esiste una stesura definitiva, il buongiorno però si vede al mattino. Un problema enorme quello dei posti letto su Fiuggi, uno tsunami che ha già investito molte strutture e che va ben oltre le possibilità ed i mezzi a disposizione dell'amministrazione comunale che nonostante tutto, da quanto ci risulta, sta cercando di anticipare i tempi, in funzione anche del Recovery Plan e studiare soluzioni che consentono agli operatori locali la possibilità di accesso al credito oltre i canali tradizionali che allo stato attuale permangono preclusi a molti di loro.

Una sfida enorme, di portata sovrumana che tradotta in soldoni pesa centinaia di milioni di euro d'investimenti per restauri, messa a norma delle strutture ricettive e la liquidità indispensabile per consentire la sopravvivenza ai pochi "eroi" che sceglieranno di accettare la scommessa. Da solo il comune di Fiuggi non ce la potrà mai fare. Proprio per questo l'unica speranza è riposta nella direzione del Recovery Plan. Quindi con tempi ancora tutti da definire e senza certezze su quanti albergatori saranno in grado di arrivare "vivi" a quella data.

A Fiuggi più o meno l'80% delle attività alberghiere sono in svendita e di acquirenti non se ne vede uno. Esiste tuttavia una tentazione privata che va sempre più prendendo piede, la classica carta della disperazione. Trasformare gli alberghi in appartamenti.
Qui il Comune deve vigilare con attenzione, di precedenti in Italia ne esistono sin troppi ed i risultati sono stati drammatici, con la cura che si è sempre rivelata peggiore del male.