Si mantengono bassi in questa settimana i contagi in Ciociaria. Per il terzo giorno consecutivo i valori sono sotto la tripla cifra. Ciò non accadeva dai giorni 7-9 febbraio: allora i casi furono 189, adesso, con i 99 di ieri, sono 196 a una media di 65.

I dati
La settimana si apre a una media di 65,33. Ma sei primi due giorni sono risultati condizionati dal minor numero di tamponi a Pasqua e Pasquetta con, rispettivamente, 66 e 31 casi, il dato di ieri, 99, è il frutto dell'esame di 1.943 test, il che porta il tasso di positività al 5,09%.
Rispetto alla scorsa settimana, con i dati parametrati al mercoledì, il calo è del 41,14%. In confronto con l'ultimo picco (8-10 marzo) la contrazione dei casi è del 70,39%. I nuovi contagi di ieri provengono da Ceccano 11, Frosinone 10, Alatri 7, Piglio, Sora e Veroli 6, Castro dei Volsci e Cervaro 5, Paliano, Ripi e Strangolagalli 4, Monte San Giovanni Campano e Supino 3, Anagni, Cassino, Ferentino, Fiuggi e Piedimonte San Germano 2, Aquino, Arce, Castelliri, Ceprano, Isola del Liri, Pico, Rocca d'Arce, San Donato Val di Comino, Sant'Elia Fiumerapido, Santopadre, Torre Cajetani e Villa Latina 1. Questa la situazione negli ultimi 10 giorni: Frosinone 110, Cassino 98, Alatri 82, Sora 57, Anagni 44, Veroli 43, Ceccano 38, Amaseno e Monte San Giovanni Campano 31, Ferentino e Fiuggi 30, Boville Ernica 29, Paliano 28, Strangolagalli 25, Castro dei Volsci 24 e San Vittore del Lazio 23.

Nelle ultime cinque settimane questo l'andamento nei centri con il maggior numero di contagi: Frosinone 781 (192 4-10 marzo, 210 11-17 marzo, 185 18-24 marzo, 119 25-31 marzo e 75 1-7 aprile), Alatri 721 (234, 214, 134, 84 e 55), Veroli 491 (135, 132, 117, 75 e 32), Sora 356 (95, 98, 66, 58 e 39), Monte San Giovanni Campano 279 (126, 74, 36, 23 e 20), Ceccano 271 (72, 70, 61, 37 e 31), Cassino 244 (29, 44, 41, 54 e 76), Isola del Liri 215 (77, 60, 44, 26 e 8), Boville Ernica 211 (51, 60, 43, 42 e 15), Ferentino 201 (62, 49, 38, 32 e 20), Anagni 164 (45, 28, 37, 24 e 30), Arpino 97 (39, 24, 16, 14 e 4), Amaseno 94 (12, 9, 15, 46 e 12), Fiuggi 91 (17, 17, 17, 16 e 24), Ceprano 87 (20, 19, 19, 19 e 10), Castro dei Volsci 81 (5, 18, 23, 22 e 13), Pontecorvo 75 (26, 24, 11, 9 e 5), Ripi 69 (27, 12, 14, 2 e 14), Strangolagalli 67 (12, 13, 6, 15 e 21), Piedimonte San Germano 64 (17, 17, 7, 16 e 7), Alvito 63 (15, 16, 19, 8 e 5) e Paliano 63 (16, 6, 10, 9 e 22). Dati in diminuzione nell'ultima settimana, anche in maniera cospicua, tranne che, in misura variabile, a Cassino, Anagni, Fiuggi, Ripi, Strangolagalli e Paliano.

Le vittime
In rialzo il numero delle vittime. Ieri se ne contavano tre: un uomo di 80 anni di Ceprano, un uomo di 74 anni di Alatri e una donna di 94 anni di Ferentino. Sono 9 in settimana, anche se lo scorso mercoledì erano 16. 

I tamponi
Riprendono a salire i test con 1.943, ma sono più di 500 in meno rispetto alla giornata di mercoledì scorso. Il tasso, comunque, si mantiene basso al 5,09% con una media settimanale al 7,64% (la precedente si era chiusa al 6,91%). Così come l'incidenza degli ultimi sette giorni, scesa ulteriormente a 155,97 ogni 100.000 abitanti, di gran lungo sotto il limite di 250 che fa scattare in automatico la zona rossa.

I guariti
Anche i guariti dopo i 150 negli ultimi due giorni riprendono quota con 310. Ad aprile si sono negativizzate 1.348 persone (media 449,33) contro i 744 nuovi positivi a una media di 106,29. Nel 2021 sono guariti in 12.894. Ovvero più di un malato su due (54%) è guarito da gennaio a oggi.

Il bollettino regionale
Nel Lazio diminuiscono i casi e i posti letto occupati in terapia intensiva, mentre aumentano i ricoverati e i decessi. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 2% considerando anche gli antigenici. «Su oltre 13.000 tamponi nel Lazio (+5.989) e oltre 23.000 antigenici per un totale di oltre 37.000 test informa l'assessore Alessio D'Amato si registrano 1.081 casi positivi (-39), 47 decessi (+4) e 1.801 guariti». I casi a Roma città sono 500, nelle province si registrano 221 casi (di cui 63 a Latina e 99 a Frosinone) e 9 decessi. Nel bollettino regionale per l'Asl di Frosinone c'è una quarta vittima, di fuori provincia.