Dovranno rispondere di furto aggravato, minaccia grave e lesioni personali volontarie. Una giovane coppia di fidanzati si è presentata al commissariato di Sora per sporgere denuncia contro due fratelli, uno dei quali minorenne. Ai poliziotti i due hanno raccontato quanto era loro accaduto: si trovavano in piazza Santa Restituta e stavano andando in auto a prendere del cibo da asporto in un ristorante cinese. In quel frangente, un loro amico di 22 anni ha deciso di unirsi a loro. Una volta giunti davanti al locale, la coppia è scesa per effettuare la prenotazione mentre il ventiduenne è rimasto in macchina, dove la ragazza aveva lasciato la borsa.

All'improvviso il giovane ha chiesto di essere riaccompagnato urgentemente a casa. Vista l'insistenza, i due fidanzati lo hanno portato a casa e sono tornati al ristorante per ritirare la cena ordinata. A quel punto la ragazza si è accorta di non avere più 80 euro. Con il fidanzato ha subito chiamato l'amico, il quale ha detto di non sapere nulla dei soldi spariti.
Così la coppia ha deciso di presentarsi a casa sua.

Qui la ragazza è stata minacciata con un coltello a serramanico, mentre il compagno è stato colpito al volto dal presunto autore del furto e dal fratello non ancora maggiorenne. Dopo gli accertamenti, i poliziotti hanno denunciato i due fratelli: il ventiduenne per furto aggravato, minaccia grave e lesioni personali volontarie, suo fratello di 17 anni per lesioni personali volontarie.