Forse un passaggio in auto negato alla base dell'aggressione subita da un cinquantenne di Ferentino circa due anni fa. Aggressione che vede sotto accusa un giovanissimo. Deve rispondere, infatti, di lesioni personali un sedicenne (all'epoca dei fatti), anche lui residente nella città gigliata. Domani si terrà la prima udienza nel tribunale per i minorenni a Roma. L'adolescente che è finito nei guai è difeso dall'avvocato Mario Cellitti.

La ricostruzione
La vicenda risale al mese di febbraio del 2019, nel centro storico di Ferentino. Stando alle accuse sembrerebbe che, davanti a un rifiuto di dargli un passaggio, il minore si sia scagliato contro l'uomo, suo conoscente. Dalle parole sarebbe passato ai fatti.
Sempre stando alle accuse il sedicenne avrebbe colpito il cinquantenne, prima con una testata al volto, e poi con calci e pugni ferendolo in diverse parti del corpo. Il tutto si sarebbe verificato in mezzo alla strada e nel cuore della città gigliata.

I soccorsi
Il cinquantenne è stato quindi soccorso e costretto a ricorrere alle cure dei dottori per le ferite riportate a seguito dell'aggressione. Trasportato pertanto in ospedale per essere preso in cura. I medici riscontrarono al ferentinate una prognosi di sette giorni.
Come detto l'uomo riportò ferite al volto per la testata ricevuta e in più parti del corpo in quanto, sempre stando alle accuse, il minorenne lo colpì con calci e pugni.

Quindi la denuncia nei confronti del ragazzino che è stato accusato di lesioni personali nei confronti del cinquantenne, suo conoscente.
Per la giornata di domani è fissata la prima udienza che si svolgerà a Roma nel tribunale per i minorenni.