Mercoledì il Comune, in accordo con Acea Ato5, avvierà le prove colorimetriche per la verifica degli scarichi fognari nella zona compresa tra la Concattedrale e la villa comunale. «Si tratta di un importante intervento necessario, pur se mai fatto sinora si legge nella nota dell'Ente per la tutela delle nostre acque sorgive, la cui limpidezza costituisce un patrimonio dasalvaguardare». L'assessore Emiliano Venturi e il consigliere con delega all'Ambiente, Riccardo Consales, al fine di prevenire eventuali voci allarmistiche, fanno sapere che probabilmente, durante le prove, si potrà vedere colorata l'acqua della villa per effetto dei prodotti utilizzati allo scopo.

Assicurano però che si tratta di prodotti che non alterano in alcun modo la composizione e la natura dell'acqua. Tale indagine, già concordata lo scorso mese con Acea, prende l'avvio dalla individuazione di una serie di canali alimentati da sorgenti presenti in questa parte della città. Le sorgenti del Gari, appunto.
Dal Comune avvisano, comunque, che si tratta di una fase propedeutica per l'individuazione di eventuali scarichi non a norma, insomma abusivi, non collegati al collettore fognante. Non c'è da preoccuparsi quindi se dopo le feste le acque nella villa "cambieranno" colore, non è l'effetto dei pasti e delle bevute di pasquetta, ma tecnici al lavoro per monitorare il flusso delle sorgenti.