Tra le priorità sanitarie, nonostante la pandemia, malati oncologici e prevenzione. A spiegare le novità è Carmine Di Mambro, ex consigliere comunale, da sempre in prima fila per la battaglia contro il "grande mostro": «Sono veramente contento per questa iniziativa da parte dell'Inps, in un periodo di grave pandemia, in cui mostra particolare attenzione alle patologie oncologiche. Soprattutto perché il cancro continua a fare oltre cinquecento vittime al giorno, e altre mille persone scoprono di essere state colpite».

«Per questa ragione il Fondo Gestione Unitaria delle Prestazioni Creditizie e Sociali ha istituito in via sperimentale una nuova prestazione di welfare, rivolta ai propri iscritti, in servizio e in quiescenza, nati tra il 1° gennaio 1956 e il 31 dicembre 1963 - aggiunge Di Mambro - che consiste in un contributo a copertura totale dei costi dell'effettuazione presso le strutture convenzionate di uno screening sanitario gratuito per la prevenzione e diagnosi precoce di patologie oncologiche».

L'Inps quindi metterà a disposizione 100.000 voucher che serviranno per coprire le spese dei propri scritti in base al modello Isee che dovrà essere presentato nei termini della domanda. Potranno accedere coloro che vorranno effettuare uno screening propedeutico all'individuazione di eventuali tumori dell'apparato genitale maschile, dell'apparato genitale femminile e dei tumori della pelle.

La domanda di partecipazione al concorso deve essere presentata dall'iscritto esclusivamente in via telematica, entro e non oltre le ore 12 del 4 maggio, pena l'improcedibilità della stessa, digitando "Screening per la prevenzione e diagnosi precoce di patologie oncologiche" nel motore di ricerca sul sito www.inps.it e cliccare su "Accedi al servizio" nella pagina della relativa scheda prestazione.

Di Mambro aggiunge: «Prestare attenzione alla prevenzione delle malattie oncologiche in un periodo particolare come quello che stiamo attraversando è un gesto di grande sensibilità che va apprezzato e sostenuto».