Finisce nel fiume con l'auto dopo lo schianto con un'altra vettura: giovane miracolata. L'incidente è avvenuto ieri mattina poco dopo le 7, in via Sferracavalli.

L'impatto tra due auto condotte da un commerciante della città martire e da una giovane donna della zona ha fatto letteralmente precipitare quest'ultima nel fiume.
Per fortuna, l'auto si è fermata nel tratto con pochissima acqua, di lato. Immediato l'attivo di carabinieri, vigili del fuoco e 118. La donna è stata estratta e affidata ai medici. Entrambi i conducenti sono stati soccorsi, ma ad avere la peggio proprio la donna trasportata in ospedale. Cosciente ma spaventata è stata sottoposta a tutti gli esami del caso.

Gli accertamenti per fortuna hanno rassicurato sulle condizioni della signora: ne avrà per sette giorni. La dinamica dell'incidente resta al vaglio dei carabinieri del capitano Scolaro. Ma, intanto, è montata la polemica su un tratto di strada affatto sicuro. L'associazione onlus "La Notte degli Angeli" da sempre in prima linea quando si parla di sicurezza stradale è tornata a chiedere maggiori garanzie per gli automobilisti.

«Se fosse accaduto di notte, in un punto in cui l'acqua è più profonda o se l'impatto dopo il volo nel letto del Rapido avesse determinato lesioni maggiori per uno dei conducenti ci troveremmo ancora una volta a parlare di sicurezza solo dopo gravi fatti di cronaca. Dobbiamo alzare il livello d'attenzione e d'impegno in diverse zone del territorio: la prevenzione e la messa in sicurezza delle strade valgono moltissimo quando l'obiettivo è salvare una vita. Non possiamo contare danni e vittime solo dopo. Torniamo a chiedere alle competenti autorità che si attivino in tal senso ora, senza perdere neppure un minuto» ha affermato il vice presidente Orlando Bellaria.