Sulla polemica dei parcheggi eliminati in via Lecce, il lettore favorevole al taglio interviene ancora. Lo fa per ricordare «gli assembramenti di persone che ogni giorno stazionano lungo la strada in attesa di poter entrare nel laboratorio sito proprio in via Lecce, assembramento di persone che lasciano incivilmente la loro auto lungo la strada senza preoccuparsi del traffico quotidiano.

Purtroppo, nel corso degli ultimi cinquant'anni il numero delle auto in circolazione è notevolmente aumentato, ma non per questo le stesse devono essere posteggiate a ridosso della propria abitazione e in alternativa abbandonata lungo la strada, andando contro il codice della strada».

E ancora: «50 anni fa, in via Lecce vi erano le stesse palazzine di oggi (con più o meno lo stesso numero di famiglie) con il traffico di quegli anni, oggi non è più così, non per niente l'amministrazione comunale ha provveduto alla realizzazione del parcheggio multipiano, proprio per venire incontro alle esigenze dei residenti, parcheggio che invece è sempre vuoto.

La querelle in atto ritengo che non ha più modo di andare avanti, via Lecce è una strada a doppio senso di circolazione e pertanto sulla stessa si deve poter circolare su entrambe le carreggiate senza alcun rischio. Se non troviamo posto auto vicino il portone di casa, facciamo qualche metro in più e sicuramente ci sarà dove lasciare la nostra vettura senza creare intralcio al traffico, i sei posti auto, tanto sono quelli soppressi, sono stati recuperati in numero maggiore lungo via Firenze. Rinnoviamo il plauso all'amministrazione comunale che ha posto fine al parcheggio selvaggio in via Lecce».