Marzo si chiude con 149 positivi. E si conferma il secondo mese per numero di contagi, anche se da due settimane a questa parte, da quando c'è stata la zona rossa, il trend mostra segnali di miglioramento. Con i 149 casi ufficializzati ieri dalla Asl di Frosinone, il conto settimanale arriva a 333, quindi con una media di 111 ogni 24 ore. Rispetto alla scorsa settimana, chiusa con una media di 149,3, al mercoledì i casi erano 406 per una media di 135,3. Il che vuol dire che, a una settimana, il calo è del 17,98%. Rispetto a due mercoledì fa, dato di 538 a una media di 179,33, la riduzione è ancora maggiore: -38,10%. Al 10 marzo, a metà della settimana peggiore dell'ultimo periodo (1.734 positivi totali a una media di 247,7) la differenza è di -49,69%. Allora, infatti, i casi erano già 662 a una media di 220,66. In pratica, ci sono volute tre settimane, quelle della zona rossa, per ottenere il dimezzamento dei nuovi positivi.

Prima di quella settimana al mercoledì, in questo caso il 3, i casi erano 513 per una media di 171. Ora, dunque, sono inferiori del 35,08%. Se il trend sarà confermato, ovvero di una settimana che si mantiene sotto i 130 casi, bisogna risalire al periodo 8-14 febbraio per trovare meno contagi giornalieri (94,42). I cinque decessi di ieri sono: un uomo di 93 anni residente a Cassino, una donna di 69 anni residente a Isola del Liri, un uomo di 72 anni residente a Cassino, un uomo di 76 anni residente a Sora e un uomo di 85 anni residente a Veroli. Degli ultimi 149 positivi, per la prima volta dopo diverse settimane, c'è un comune del Sud della provincia ad avere il maggior numero di contagi, è Cassino con 13, a seguire Frosinone con 10, Alatri e Sora con 8. Poi Amaseno e Ferentino 7, Anagni, Boville Ernica e San Vittore del Lazio 6, Ceprano, Monte San Giovanni Campano, Paliano, Piedimonte San Germano e Veroli 5, Campoli Appennino, Pastena e Pontecorvo 4, Alvito, Cervaro, Isola del Liri, Piglio, Sant'Andrea del Garigliano e Vallecorsa 3, Castro dei Volsci, Fiuggi San Giorgio a Liri, Sant'Elia Fiumerapido e Torice 2, Arce, Arpino, Ausonia, Belmonte Castello, Broccostella, Ceccano, Collepardo, Esperia, Giuliano di Roma, Guarcino, Picinisco e Strangolagalli 1.

Nel solo mese di marzo, chiuso con 6.043 casi e 100 morti, secondo solo a novembre con 6.588 e 100, la media è stata di 194,94 contagi ogni 24 ore contro i 219,6 di novembre, anche se a un certo punto, nella prima parte del mese, i dati erano anche peggiori.
Frosinone chiude marzo con 759 contagi a una media di 24,48, di cui 245 nei primi dieci giorni, 307 nei secondi dieci e 207 negli ultimi undici, Alatri ne ha 716 (23,10), di cui 284, 287 e 145, Veroli è a 508 (16,39) di cui 184, 185 e 139, Sora ne ha 342 (11,03) e 120, 129 e 93, Monte San Giovanni Campano è a 290 (9,35) con 157, 96 e 37, Ceccano è a 258 (8,32) con 90, 103 e 65, Isola del Liri è a 230 (7,42) con 100, 80 e 50, Boville Ernica è a 211 (6,81) con 66, 88 e 57, Ferentino è a 201 (6,48) con 82, 70 e 49. Cassino è a 185 (5,97) con 46, 72 e 67, Anagni è a 156 (5,03) con 67 41 e 48, Arpino è a 100 (3,23) con 46, 34 e 20.

In tutti i comuni tra la parte centrale del mese e quella finale c'è l'i n v e r s i one di tendenza, fatte alcune eccezioni quali Anagni che passa da 41 a 48, Amaseno soprattutto da 14 a 56, Fiuggi da 22 a 28 e Paliano da 9 a 16. Sempre alto il numero di tamponi, ieri 2.488 dopo i 2.577 di martedì (5.712 in tre giorni), con il tasso di positività che risale leggermente al 5,98%. Il mese si chiude a un tasso del 10,94%, meglio di febbraio che era a 12,81%. Crescono anche i guariti, ieri 256 e 5.659 nel mese, a una media di 182,54.