Trovato nel terreno di un casale privato di Aquino è stato subito consegnato nelle mani delle autorità. Si tratta di un nuovo reperto scultoreo per il museo di Aquino "Khaled al-Asaad". La scoperta, fatta dal proprietario del terreno, è stata casuale. «Quando il signor Giuseppe Cenci lo ha notato, non ha esitato neppure per istante a consegnarlo al museo di Aquino.
Che sia davvero di buon esempio» ha commentato il primo cittadino, Libero Mazzaroppi.

«Si tratta di un grosso frammento di testa di una statua romana proveniente dall'area urbana dell'antica Aquinum - spiega ancora Mazzaroppi - che è stato consegnato al funzionario archeologo della Soprintendenza archeologia, Belle arti e Paesaggio per le province di Frosinone e Latina (il dottor Carlo Molle) che lo ha depositato nei locali del nostro museo».
Il frammento, in marmo bianco potrebbe essere parte di una statua di un personaggio maschile, raffigurato di dimensioni maggiori del vero, di cui rimangono una parte cospicua della capigliatura e l'orecchio sinistro.

«Il manufatto è caratterizzato da una elevata qualità di esecuzione, che un auspicabile restauro e adeguati studi consentiranno ancor più di apprezzare e contestualizzare» ha continuato Mazzaroppi. Che lancia un appello: «Faccio appello ai cittadini. Sono certo che nelle proprietà private possano esserci mille "tesori nascosti". L'invito è a consegnarli per metterli a disposizione della comunità».