Non conosce pause, purtroppo, l'abbandono selvaggio dei rifiuti nelle zone periferiche del territorio cittadino. Il grave problema è finito, ancora una volta, nel mirino della presidente di Gioventù Nazionale Ferentino, Claudia Angelisanti, la quale esprime tutta la sua indignazione nei confronti degli incivili che alimentano il fenomeno. Ma spera anche negli interventi risolutivi e nella maggiore attenzione degli amministratori comunali verso la situazione ambientale.

«Dopo avere constatato più volte il terribile stato in cui versano le periferie del nostro territorio - spiega Claudia Angelisanti - è riduttivo alimentare soltanto le polemiche, ma bisogna andare oltre passando ai fatti. La situazione oggi è pericolosa sia per l'ambiente sia per la salute dei cittadini. Ma ormai risulta a rischio, oltre alle periferie anche la città, teatro da giorni di spettacoli indecorosi, con cassonetti stracolmi di ogni tipo di scarti. È evidente quindi - prosegue la presidente di Gn - come le tante segnalazioni sull'abbandono indiscriminato dei rifiuti non occupino grande spazio nell'agenda dell'Amministrazione».

Dopo la denuncia, Claudia Angelisanti passa alla proposta: «Ogni zona della città deve ricevere la stessa attenzione. Come presidente di Gioventù Nazionale Ferentino ho deciso di rispondere alla segnalazione di alcuni residenti, informando l'assessore Evelina di Marco e protocollando sia all'ufficio Ambiente, sia al comando della Polizia locale, una richiesta di smaltimento dei rifiuti ingombranti presenti nelle varie aree urbane, in attesa di un'efficace pulizia di quei luoghi». La conclusione di Claudia Angelisanti è che episodi del genere «mettono in luce, oltre al pessimo comportamento di alcuni incivili, anche le conseguenze di un mancato sistema di videosorveglianza, richiesto da diversi anni dai cittadini per il problema ambientale e per la sicurezza in centro e periferia. Adesso, spero che le mie segnalazioni non diventino carta straccia».