Aree rosse e gente che gira, magari per asparagi, per gite, per una visita in altro comune oppure per scopi illeciti, come accade quando s'incontrano residenti di altre regioni che gironzolano intorno ad attività commerciali. Ma ci sono pure drink a più persone scovati dai carabinieri! Sabato affollato a Cassino, come in tanti altri comuni. E c'è stato anche chi ha segnalato alle forze dell'ordine assembramenti in giro.

I controlli dei carabinieri nell'area sud della provincia non sono affatto mancati, anzi! E molte sono state le persone multate perché non hanno rispettato le norme anti-Covid. A Cassino la sanzione è scattata per un residente di Cervaro che ha violato il divieto di spostamento delle aree rosse.
Male è andata a un giovane di 26 anni di San Giorgio denunciato per guida senza patente, mai conseguita. A carico del ragazzo, controllato alla guida di un'auto mentre si aggirava senza motivo lungo la consortile Fiat, è stata pure avanzata la proposta per il foglio di via. La macchina è stata sequestrata perché sprovvista di assicurazione. E sempre gli uomini della Compagnia di Cassino hanno beccato, in orario notturno, un uomo di 47 anni, residente nella provincia di Napoli (noto per reati contro il patrimonio) mentre si muoveva con atteggiamento sospetto intorno a esercizi commerciali di Cassino. Non solo, appena adocchiati i carabinieri ha pure provato a divincolarsi per sottrarsi al controllo. Non avendo giustificazioni valide per la sua presenza, è stato proposto il foglio di via. E chiaramente, compresa nel pacchetto, anche la sanzione amministrazione per l'inosservanza del divieto di spostamento tra aree rosse.

Altra multa per mancato rispetto delle leggi anti-Covid a Sant'Elia per un uomo di 53 anni di Napoli. Per lui anche la proposta del foglio di via: è stato controllato in auto mentre si aggirava intorno a esercizi commerciali. E sempre nel piccolo centro cassinate un'altra sanzione per un residente che passeggiava tranquillamente nella piazza senza indossare la mascherina. Spostandoci a Sant'Ambrogio, i carabinieri della stazione di Sant'Apollinare, insieme ai colleghi di Sant'Elia, hanno controllato otto persone sia del luogo che dei paesi limitrofi, che si erano radunate all'interno di un immobile per consumare bevande alcoliche.

Un drink in compagnia costato ai presenti la multa per inosservanza delle normative in materia di Covid-19. I carabinieri di Vallerotonda, invece, hanno multato una persone di Cassino, controllata nel centro montano a bordo dell'auto senza giustificato motivo e in violazione del divieto di spostamento tra Comuni. E a Villa Santa Lucia, stessa situazione. I carabinieri di Piedimonte hanno sanzionato due persone di Cassino, controllate a Piumarola senza avere motivi validi per "valicare" i confini del proprio comune.

Area pontecorvese
Furbetti stanati anche in tutta l'area di competenza della compagnia di Pontecorvo. In totale sono state 558 le persone controllare insieme 442 veicoli e 365 attività commerciali per 18 persone multate perché fuori dal Comune di residenza senza motivi e per l'inosservanza del divieto di spostamento dopo le 22. In primis a Castrocielo, nei pressi del casello autostradale i carabinieri hanno sorpreso a bordo di un'auto due uomini di 40 e 44 anni della provincia di Caserta, in violazione del divieto di spostamento in "zona rossa";

Gli uomini dell'Aliquota Radiomobile hanno segnalato alla prefettura due giovani, un ventiduenne della provincia di Viterbo, già noto, con un involucro contenente 0.56 grammi di hashish e un ragazzo di 31 anni residente ad Aquino, con due involucri contenenti 0,30 grammi di eroina e 0,30 di marijuana. Gli stessi carabinieri hanno inoltre multato quattro persone, residenti ad Aquino dove si trovano in giro in orario notturno, anche loro senza motivi di necessità, violando il divieto di spostamento dalle 22 alle 5.
Non si fermano le verifiche in relazione alle norme anti-Covid. La necessità di sicurezza è legata al rischio contagi ed è fondamentale in questo delicato periodo di pandemia.