Quando la notizia della morte di Biagio Merola si è sparsa nel paese della valle dei Santi in tantissimi hanno espresso il loro cordoglio per la sua scomparsa.
A Pignataro Biagio hai familiari, tanti i cugini che adoravano Biagio, grande, simpatico, amante dello sport.

«Questa notte il virus maledetto ha portato via mio cugino Biagio, un uomo buono e generoso, un padre di famiglia meraviglioso, sempre disponibile e pronto ad aiutare il prossimo - scrive una cugina - Voglio ricordarlo così, con il suo ultimo post su instagram che dice "Investi nelle relazioni. La vita è dura e nessuno ha la forza di farcela da solo. Abbiamo bisogno di persone che ci incoraggino e ci ispirino, così che anche noi potremo incoraggiare ed ispirare gli altri". Ciao Biagio, ciao fratellone mio... proteggici da lassù e dacci la forza, perché noi non ce la facciamo».

Un ultimo consiglio lasciato da Biagio prima di entrare in terapia intensiva e di lottare con tutte le sue forze per sopravvivere e continuare a scherzare, ridere, amare.
Biagio viveva a Salerno, il suo lavoro era nell'università, ma il suo grande amore era lo sport, è stato tra i fondatori del progetto "Terzo Tempo Village" di San Mango Piemonte.

«Sei stato una colonna, una roccia, la prima pietra di un sogno che oggi è realtà anche grazie alla tua passione e caparbietà. Con te va via un nostro pezzo di cuore e soprattutto tanti sogni, ma continueremo a cercarti e non ci stancheremo mai di far vivere il tuo ricordo ed il tuo sorriso finché vivremo. Ci sono persone che entrano nelle nostre vite e rimangono per sempre nei nostri cuori. Non ti dimenticheremo mai. Ciao Biagio Merola» scrivono i suoi amici.