Ancora un rogo nelle zone verdi, a cavallo tra Cassino e Sant'Elia. Ancora una volta un odore acre, che prende alla gola. Più di una segnalazione al giorno. Ogni giorno. Ieri, poco dopo mezzogiorno, un nuovo episodio in via Pozzaca, traversa di via del Lago a Cassino. A pochi passi dalle acque rosse. Alcuni passanti hanno segnalato la presenza di fumo denso e nero all'Ansmi che ha allertato i Vigili del fuoco, cercando subito di circoscrivere il fronte.

In effetti le fiamme sono state domate dai volontari con due estintori e la partenza è stata deviata su un altro intervento. Ma, a rogo spento, sono montate le polemiche: qualcuno avrebbe riferito di aver visto una utilitaria allontanarsi poco prima del divampare delle fiamme. Ma allo stato dei fatti è impossibile dire se tra questi due eventi vi sia una correlazione. L'unica certezza è l'ennesimo episodio incendiario che ha fatto sprigionare nell'aria sostanze nocive.

Nelle scorse ore, infatti, resti di moquette abbandonati, pezzi di erba sintetica, serbatoi in plastica, mattonelle sono stati dati alle fiamme insieme a sfalci e a vegetazione. L'odore è insopportabile e la nube di fumo denso è impenetrabile sono stati indicati in zona lungofiume nella tarda serata di sabato. Anche in quel caso i volontari Ansmi sono stati contattati dai cittadini e hanno allertano i vigili del fuoco. Ma la lotta è impari: non c'è giorno senza fiamme. E quello di ieri ne è la conferma. I cittadini sono indignati e sui social non mancano di esprimere tutta la loro rabbia.