Asse attrezzato sporco e cosparso di buche.
Giovanni Sorge, coordinatore locale di "Cambiamo", torna ad affrontare la spinosa questione senza risparmiare colpi all'Amministrazione Galli.

«Dopo la mia segnalazione nulla è cambiato sulla strada al servizio dell'area industriale cepranese  - spiega Sorge - I rifiuti emersi dopo il taglio dell'erba non sono stati ancora rimossi. Gli annunci in tal senso, a quanto pare, non sono stati seguiti dai fatti. L'immondizia sparsa sulla banchina è uno spettacolo sconfortante. Da un post pubblicato su Facebook mi era sembrato di capire che si stava facendo qualcosa per ripristinare il decoro e la pulizia, ma sabato sono transitato sulla strada Asi e purtroppo non ho potuto rilevare le condizioni desiderate, anzi».

Quindi, Sorge aggiunge: «Mi domando a che cosa servano gli annunci elettorali non seguiti da azioni, in quanto le situazioni sono sotto gli occhi di tutti. Pertanto non è possibile bleffare, anzi bisogna essere chiari e onesti. Lungo l'asse attrezzato si trovano rifiuti di ogni genere e la situazione è tutt'altro che sotto controllo.
Condizioni indecorose che non fanno onore al territorio e tantomeno a chi vi opera. È doveroso intervenire e ripristinare la pulizia e l'ordine - suggerisce il responsabile di "Cambiamo" - Non è possibile affrontare questa delicata fase in condizioni di degrado e abbandono, ma bisogna investire proprio in questo momento di crisi sul territorio per il suo rilancio in tempi migliori».

La conclusione è che «nulla si fa per agevolare lo sviluppo del settore produttivo in crisi. Ceprano necessita di input costruttivi e innovativi. Bisogna ripartire con segnali forti e chiari».