Controlli per il contenimento della diffusione dell'epidemia da Covid-19, i carabinieri in una manciata di ore scoprono almeno una trentina di trasgressori tra Cassino, il Cassinate e Pontecorvo. Boom di sanzioni senza precedenti. I militari della compagnia di Pontecorvo, guidati dal capitano Tamara Nicolai, hanno sanzionato diciassette persone; quelli della Compagnia di Cassino, agli ordini del capitano Giuseppe Scolaro, un'altra decina.

Più nel dettaglio a Castrocielo i militari hanno sorpreso una donna di 49 anni residente a Salerno (nota per reati contro il patrimonio, contro la persona e in materia di stupefacenti) sanzionata e allontanata; i carabinieri di Pico hanno invece fermato una venticinquenne, un ventisettenne e una cinquantaquattrenne - anche costoro di Salerno e noti alle forze di polizia - allo scalo ferroviario di Roccasecca, senza giustificato motivo: stessi provvedimenti. In settimana (oltre al controllo di 555 persone, di 477 attività commerciali e di 393 veicoli) i militari di Pontecorvo hanno anche sanzionato due gestori per aver violato le normative anti Covid, chiudendo entrambi i bar per cinque giorni.

Dieci, invece, le sanzioni elevate nel weekend dai carabinieri di Cassino nei confronti di altrettante persone trovate fuori dai rispettivi Comuni di residenza. Ma i controlli hanno portato anche a denunce per detenzione di stupefacenti e guida sotto l'effetto di droga. Più nel dettaglio, a Sant'Elia i militari della locale stazione - insieme alla Sezione operativa e al Nucleo cinofili di Santa Maria Galeria di Roma - hanno trovato nella disponibilità di una donna di 34 anni del posto 10 porzioni di hashish, pronte per la cessione: denunciata. Stessa misura per un ventenne del Cassinate coinvolto in un incidente e trovato al volante sotto l'effetto di cannabinoidi.