«Siamo pronti a ripartire riattivando le sedi vaccinali con tutti coloro che sono prenotati per la somministrazione del vaccino AstraZeneca. Siamo in attesa che l'Aifa si pronunci per rimuovere il divieto di utilizzo del vaccino AstraZeneca dopo il pronunciamento da parte dell'Ema. Ora non si perda altro tempo». È il pomeriggio di ieri, quando dopo la decisione del comitato per la sicurezza dell'Agenzia europea del farmaco di dare il via libera ad AstraZeneca dopo lo stop di lunedì, l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato interviene per chiedere di ripartire al più presto. La decisione europea era attesa da giorni, praticamente da quando lunedì un gruppo di Paesi, tra cui l'Italia a seguito di una serie di «eventi avversi» pur senza che vi fosse la certezza della correlazione con il vaccino, aveva deciso di fermare la somministrazione dei AstraZeneca a seguito dello stop precauzionale deciso dall'Ema.

E ieri, dopo una riunione straordinaria per valutare gli eventi tromboembolici segnalati, l'Ema ha statuito che AstraZenec «è un vaccino sicuro ed efficace e i suoi benefici e la protezione delle persone dal Covid-19 e dai rischi associati e ospedalizzazioni superano i possibili rischi». In serata poi l'annuncio di D'Amato che le vaccinazioni riprenderanno dalle 15 di oggi «secondo le indicazioni fornite dal ministero della Salute». Quindi, aggiunge, «le persone prenotate per la sessione mattutina verranno riprogrammate al fine di evitare assembramenti nei siti vaccinali».

In Ciociaria andranno riprogrammati 2.800 appuntamenti saltati per lo stop. Intanto, ripartono anche le prenotazioni. D'Amato poi informa che è stata «superata la quota delle 745.000 vaccinazioni somministrate che rappresentano circa il 13% della popolazione nel Lazio. Superata la quota delle 270.000 vaccinazioni over 80 che rappresentano l'85% delle persone prenotate over 80. Siamo la regione che ha vaccinato più anziani».

D'Amato ricorda che «sono circa 25.000 le vaccinazioni a persone fragili nel Lazio. Al via anche la prenotazione online del vaccino per i titolari del codice di esenzione C05 (ciechi assoluti o con residuo visivo non superiore ad un decimo ad entrambi gli occhi), sono già state effettuate oltre 500 prenotazioni». Infine, «nel Lazio stanno partendo le vaccinazioni per gli ospiti delle strutture socio-assistenziali di carattere comunitario, da lunedì 22 marzo è il turno della Asl Roma 1».