I colleghi raccolgono del denaro per dare aiuto alla famiglia di un lavoratore venuto a mancare, ma spariscono i soldi e scatta la denuncia contro ignoti. La vicenda risale allo scorso febbraio, quando è stata sporta denuncia alla stazione dei carabinieri di Isola del Liri. All'interno dell'Hospice e Udi di Isola del Liri c'era stata una raccolta di fondi da destinare alla famiglia di un uomo morto prematuramente che lavorava nella struttura. Un gesto di alto significato sia simbolico che morale.

Un messaggio concreto di vicinanza a chi si è ritrovato ad affrontare una vita difficile, con un lutto che ha spezzato tanti sogni. E così in tanti hanno voluto dare il proprio contributo; sono stati raccolti 620 euro. Il denaro era stato riposto all'interno di una busta, accuratamente chiusa con del nastro biadesivo, riposta all'interno dell'armadietto dei farmaci che contengono come principi attivi sostanze stupefacenti. È arrivato il giorno della consegna, ma quando è stato il momento di dare il denaro raccolto nelle mani della figlia del defunto, la somma, con grande stupore di tutto il personale, non c'era più.

La busta era stata aperta e il contante prelevato.
Una pessima scoperta che ha lasciato i presenti di stucco. È stato subito spiegato che all'armadietto in questione, dove era stata riposta la busta, hanno accesso tutti gli operatori sanitari del reparto e il personale della pulizie. Toccherà alle indagini in corso chiarire chi ha rubato i soldi.